:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Corpo europeo di solidarietà, "volontariato e lavoro restino separati"

Nel percorso verso l’approvazione si aggiunge l’opinione della Commissione Occupazione del Parlamento Europeo. I tirocini devono essere remunerati e durare 3-12 mesi; i contratti almeno 6 mesi. Il Cev indicato come ente con cui il programma dovrà coordinarsi

17 gennaio 2018

Un altro passo verso l’approvazione definitiva del Corpo europeo di solidarietà (Ces). La Commissione Occupazione del Parlamento Europeo ha votato con larga maggioranza un’opinione sul nuovo programma. Per quanto attiene all’asse occupazionale, per la quale la commissione ha diretta competenza, viene sottolineata l’importanza di separare in maniera netta le azioni di volontariato da tutto ciò che rientra nel lavoro, sia da un punto di vista finanziario che gestionale.

- Inoltre i tirocini dovranno essere remunerati e durare tra i 3 e i 12 mesi, mentre i contratti di lavoro almeno 6 e dovranno rispettare tutte le normative a tutela del lavoro vigenti negli stati ospitanti.
Si ribadisceanche che le attività di volontariato inserite nel Ces dovrebbero essere svolte esclusivamente presso enti pubblici o in organizzazioni non profit. La proposta contiene infine un riferimento al Cev (il Centro Europeo del Volontariato di cui CSVnet è socio), che viene ora citato tra le istituzioni con le quali il nuovo programma dovrà coordinarsi per massimizzare impatto e efficacia.

Afferma Brando Benifei, deputato italiano e relatore del testo:“Il Corpo europeo di solidarietà ora ha il potenziale per diventare un modello per le future iniziative dell'UE nel campo della solidarietà, della mobilità e della gioventù". L’opinione della Commissione Cultura e Educazione, è attesa per il prossimo 23 gennaio. (Nicolò Triacca)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: volontariato

Stampa Stampa