:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Gli italiani sopravvalutano la presenza di migranti. Ius soli, il 17% sa cos'è

"Rapporto Italia 2018" di Eurispes. Solo il 28,9% dei cittadini sa che l'incidenza di stranieri sulla popolazione è all'8%; il 31,2% valuta correttamente la presenza di immigrati di religione islamica (che è del 3%), in tutti gli altri casi (68,7%) viene sovrastimata. Sullo ius soli temperato c'è poca consapevolezza

30 gennaio 2018

- ROMA - Solo il 28,9% dei cittadini sa che l'incidenza di stranieri sulla popolazione è all'8%; il 31,2% valuta correttamente la presenza di immigrati di religione islamica che è del 3%. E' quanto emerge dal Rapporto Italia 2018 di Eurispes.

Ai cittadini è stato chiesto di valutare una serie di fenomeni messi particolarmente in risalto dal circuito mediatico, con l'obiettivo di sondare le opinioni diffuse e metterle a confronto con i numeri reali. Solo il 28,9% indica correttamente l'incidenza di stranieri sulla popolazione all'8%. Più della metà del campione, al contrario, sovrastima la presenza di immigrati nel nostro Paese: per il 35% si tratterebbe del 16%, per ben il 25,4% addirittura del 24% (un residente su quattro in Italia sarebbe non italiano).

Meno di un terzo (31,2%) valuta correttamente la presenza di immigrati di religione islamica in Italia che è del 3%, in tutti gli altri casi (68,7%) viene sovrastimata. Gli italiani che stimano con esattezza la presenza africana in Italia (a circa l'1,7% della popolazione) sono soltanto il 15,4% del totale.
Il 27,4% dei cittadini individua come principale regione d'origine l'Africa del Nord, da dove in realtà proviene solo il 12,9% degli stranieri arrivati in Italia.

Solo in pochi sanno cos'è davvero lo ius soli. Solo il 17,7% degli italiani associa il provvedimento dello ius soli proposto nel nostro Paese, non solo alla nascita, ma anche alla frequentazione della scuola italiana. E' quanto emerge dal Rapporto Italia 2018 di Eurispes.
La netta maggioranza (56,9%) ritiene che con la nuova proposta di legge sia sufficiente nascere sul suolo italiano, come accade negli Stati Uniti. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa