:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Terremoto: partire dalla formazione per rilanciare il territorio

Aperte ad Acquasanta Terme le iscrizioni al primo corso promosso dalla “Bottega della Speranza”: quello per Guide naturalistiche. Organizzato in 240 ore complessive, prepara all’esame di qualifica regionale

06 febbraio 2018

- ACQUASANTA TERME - Accompagnare i turisti e gli escursionisti alla scoperta dei sentieri del parco nazionale dei monti Sibillini, tra panorami mozzafiato e pareti che guardano il mare, per ricominciare a vivere vette e vallate, a contatto con una natura a tratti incontaminata che ora, più che mai, ha bisogno di tornare a dialogare con gli uomini. Prende spunto dalla necessità di riscrivere il futuro, partendo da basi diverse, il corso per guida naturalistica, gratuito per tutti i residenti nei comuni del cratere, promosso dal Laboratorio della Speranza, l’associazione presente anche ad Acquasanta, diretta da don Paolo Sabatini e nata con l’intento di ripartire dal territorio e dal lavoro per ricostruire economia e tessuto sociale delle zone colpite dal sisma.
Geologia delle Marche, botanica, zoologia, geografia turistica, narrazione del territorio, sentieristica, posizionamento satellitare e organizzazione di percorsi naturalistici sono alcune delle materie previste nel programma di studi che prenderà il via nelle prossime settimane. Iscrizioni aperte e gratuite per tutte le persone residenti nei comuni dei crateri. Possibilità di partecipare alle lezioni anche per i non residenti, con il versamento di un contributo.

Il corso si avvale della collaborazione di docenti e tutor specializzati dell’agenzia di formazione Wega che, oltre ad avere le competenze e le conoscenze necessarie per l’insegnamento delle materie richieste, si occupano da tempo di narrazione del territorio attraverso la scrittura di libri, la fotografia e l’arte.
“Uno degli elementi su cui il territorio può contare è il suo ambiente naturale – spiegano i responsabili - ed è quindi importante valorizzarlo. L’obiettivo del progetto è contribuire ad accrescere le professionalità capaci di costruire una narrazione dell’ambiente naturale e i suoi aspetti storico-antropologici che siano attrattivi per il turismo”.

Il corso di formazione prepara gli allievi ad affrontare l’esame di qualifica regionale, è organizzato in 240 ore totali, tra lezioni frontali e in uscita, e mira ad accrescere le competenze e le conoscenze sui contesti naturali e culturali delle Marche e del Piceno. L’iniziativa rientra nell’ampio progetto attuato in sostegno delle comunità colpite dal sisma con la creazione di un centro di aggregazione e di formazione professionale, la Bottega della Speranza, inaugurato lo scorso 14 dicembre ad Acquasanta Terme, nel quale sono già stati avviati laboratori ludici e artistici per bambini, accompagnamento allo studio per ragazzi e adolescenti e corsi di musica in collaborazione con la Banda locale. Per iscrizioni e informazioni: 324.6662673, guidanaturalistica@botteghedellasperanza.it, info@laboratoriodellasperanza.it.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa