:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Lavoro, incidente mortale a Pisa. Il cordoglio del governatore Rossi

Ieri sera è deceduto Alessandro Colombini, operaio di 39 anni morto in un cantiere navale ai Navicelli a seguito dalla caduta da un ponteggio. Il presidente della Regione: “Inaccettabile morire di lavoro”

14 febbraio 2018

- FIRENZE – Incidente mortale sul lavoro a Pisa, dove ieri sera è deceduto Alessandro Colombini, operaio di 39 anni morto in un cantiere navale ai Navicelli a seguito dalla caduta da un ponteggio. Il presidente della giunta e tutta la Regione Toscana si stringono intorno alla famiglia di Colombini. Nell'esprimere le condoglianze alla famiglia il presidente della Regione sottolinea che purtroppo la lista degli infortuni mortali si allunga ancora una volta e ribadisce che è inaccettabile morire di lavoro, sul lavoro. L'impegno per la sicurezza e la diffusione di una cultura della sicurezza sui luoghi di lavoro, ha aggiunto, deve essere intensificato. E questo è un compito che spetta sia alle istituzioni sia a tutti gli altri soggetti del mondo produttivo.

Il presidente ha ricordato che la Regione ha messo in campo risorse ingenti e anche uomini e mezzi per arrestare la piaga delle morti sul lavoro. Ma questo non basta. La mortalità ha raggiunto una nuova soglia di cronicità. Occorre un nuovo patto tra capitale e lavoro per mettere al centro la vita e la sicurezza delle persone. La crisi ha intensificato lo sfruttamento del lavoro e ha spinto alla deregolazione delle tutele. Conquiste che sembravano acquisite per sempre non lo sono più. La distanza tra i principi della Costituzione e le condizioni materiali del lavoro è sempre più grande. Questo ci riempie di dolore e sofferenza. Serve però trasformare questa emergenza, come in altre circostanze è avvenuto, in un nuovo punto di partenza per una nuova stagione dei diritti dei lavoratori.

 

© Copyright Redattore Sociale

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa