:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Santi Apostoli, salta l’incontro in regione. Sit-in a oltranza: "Vergogna"

Hanno montato due tende di fronte all’ingresso della regione Lazio e dato vita ad un sit-in: sono le famiglie che vivono da sei mesi sotto il portico dei Santi Apostoli a Roma. L’incontro era stato annunciato dopo una giornata di mobilitazione giovedì scorso a via Ventura, di fronte al palazzo dove le famiglie pensavano di essere trasferite

20 febbraio 2018

Foto Eleonora Camilli/Rs
Protesta Santi Apostoli - 20 febbraio 2018 - Foto 1

ROMA - Hanno montato due tende di fronte all’ingresso della regione Lazio e dato vita ad un sit-in al grido “vergogna, vergogna, finché non c’è risposta, noi da qui non ci si sposta”. Sono le famiglie che vivono da sei mesi sotto il portico dei Santi Apostoli e che, insieme al Movimento per il diritto all’abitare, avrebbero dovuto incontrare gli assessori Rita Visini (politiche sociali) e Fabio Refrigeri (politiche abitative) insieme al vicepresidente della regione Massimiliano Smeriglio. L’incontro era stato annunciato dopo una giornata di mobilitazione giovedì scorso a via Ventura, di fronte al palazzo dove le famiglie pensavano di essere trasferite. 

“L’incontro proposto a via Ventura non c’è più, è stato cancellato, c’è stato proposto solo un incontro a via del Serafico con l’assessora Visini e abbiamo rifiutato - spiega Paolo Divetta rappresentante dei movimenti per il diritto all’abitare -. Vogliamo l’incontro che ci era stato proposto. Ora da qui non ci muoviamo, spostiamo l’accampamento di Santi Apostoli davanti alla regione Lazio. Ci sono 42 persone che chiedono da mesi di essere accolte in uno stabile, è una vergogna che la politica si comporti in questo modo. Ci siamo abituati al disagio sociale di questa città, neanche in campagna elettorale trovano una soluzione”. Secondo le famiglie il tavolo in regione è stato cancellato per paura. “Sono mesi che sentiamo continue promesse - sottolinea Abdul, che a Santi Apostoli vive da agosto con due bambini di due e quattro anni - i miei figli mi hanno detto papà finalmente avremo una casa come tutti gli altri? Cosa devo dirgli? Per ora posso solo dire: Vergognatevi!”. (ec)

Foto Eleonora Camilli/Rs
Protesta Santi Apostoli - 20 febbraio 2018 - Foto 2

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa