:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Sport, giovani disabili e normodotati insieme a lezione di nuoto

E’ il progetto in partenza a Cortona, nel Comune di Arezzo, dove saranno coinvolti oltre cento giovani studenti

20 febbraio 2018

- FIRENZE – Giovani disabili e giovani normodotati, tutti insieme in piscina. E’ il progetto ‘Fuori dal Guscio’, voluto e sostenuto dall’Istituto Comprensivo Cortona 1, Comune di Cortona, Associazione Autismo Arezzo Onlus, Coop. Tma Group e Virtus Buoncovento, e sostenuto da Banca Popolare di Cortona e Mb Elettronica. In piscina entreranno sia ragazzi disabili che normodotati, condivideranno la vasca e seguiranno un unico programma. Non più lezioni separate per disabili ma programmi comuni di sport e formazione. E’ un progetto innovativo e mai attuato in Italia: tutta la classe vive in sintonia con il compagno disabile in un percorso di formazione sportiva che non crea disparità. Il progetto partirà giovedì 8 marzo e si concluderà con la fine della scuola nel mese di giugno. Al termine di questa esperienza verranno valutati i risultati in quanto la speranza è di poter riproporre il progetto anche nei prossimi anni scolastici.

“I bambini autistici e con disabilità intellettive – ha detto Andrea Laurenzi, presidente dell’Associazione Autismo Arezzo, normalmente hanno difficoltà nella comunicazione verbale e non verbale, nelle interazioni sociali, nelle attività legate al tempo libero ed al gioco, nell’integrazione con il gruppo dei pari. La malattia rende loro difficile comunicare con gli altri e relazionarsi con il mondo esterno. In questo modo il soggetto con difficoltà, grazie all’aiuto di un operatore specializzato TMA, sarà integrato, una volta a settimana, con tutto il suo gruppo classe (seguiti da un istruttore di nuoto), all’interno dei normali corsi di scuola nuoto”.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa