:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Un ambulatorio medico sociale per aiutare chi non riesce a curarsi

Nasce a Vercelli un ambulatorio medico, sociale e polispecialistico con otto medici e sei infermieri tutti in pensione e volontari. Camellini (Auser Vercelli): Investiamo per recuperare l’incapacità di curarsi, specialmente tra anziani e persone in difficoltà

21 febbraio 2018

- ROMA - Sulla scorta dell'esperienza dell’Auser di Borgomanero e di Auser Cosenza, nasce  a Vercelli un ambulatorio medico, sociale e polispecialistico gestito da medici e infermieri volontari in pensione, che si mettono a disposizione per le persone in difficoltà economiche. A rendere possibile il progetto una cordata di enti e associazioni formata da Comune, Asl, Auser Vercelli, Afm, Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli, Ordine dei medici della provincia e istituto Ipsia Lombardi. Oggi l'inaugurazione

L’ambulatorio avrà come sede due locali del rione Isola in via Restano 19 e sarà inizialmente rivolto a persone segnalate dai servizi sociali del comune. La disponibilità iniziale è offerta da otto medici (di cui un primario) e sei infermieri tutti  in pensione, e un odontoiatra, che al mattino e al tardo pomeriggio forniranno una serie di prestazioni gratuite, come visite in ambito cardiologico, dermatologico, pneumologico, psicologico e dentistico.

"Abbiamo deciso di investire in questo ambito - ha detto la presidente di Auser Vercelli, Maria Grazia Camellini - per recuperare l’incapacità di curarsi di alcune persone, specialmente tra gli anziani e le fasce in difficoltà. In futuro sono previsti anche momenti informativi, di dibattito e di incontro, proprio per stimolare le persone a prendersi cura di sé anche riguardo l’alimentazione e l’attività fisica". 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa