:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Siria, Unicef: l'85% dei bambini rifugiati in Giordania vive in povertà

Nuovo studio: la situazione delle famiglie è peggiorata negli ultimi due anni. 4 famiglie siriane su 10 sono insicure dal punto di vista alimentare, Servono oltre 145 milioni di dollari per soddisfare le esigenze dei bambini e giovani vulnerabili nel 2018

26 febbraio 2018

Adham e Lena, due rifugiati sirani in Giordania si abbracciano per stare al caldo - © UNICEF/Jordan
Adham e Lena, due rifugiati sirani in Giordania si abbracciano per stare al caldo - © UNICEF/Jordan

ROMA - Secondo l’Unicef le famiglie di rifugiati siriani che vivono in comunità ospitanti in Giordania lottano stanno sempre di più per soddisfare i loro bisogni di base, tra cui l'istruzione e la protezione dei loro bambini. Secondo gli ultimi studi dell'Unicef l'85% dei bambini rifugiati siriani registrati vive al di sotto della soglia di povertà. Inoltre, il 94% dei bambini siriani di età inferiore a 5 anni che vivono nelle -comunità che li ospitano sono "multidimensionalmente poveri", il che significa che sono privati di almeno due dei seguenti cinque bisogni fondamentali: istruzione, salute, acqua e servizi igienici, protezione e sicurezza.

Secondo il recente studio  dell'Unicef 4 famiglie siriane su 10 sono insicure dal punto di vista alimentare, il che significa che non hanno abbastanza cibo per una dieta adeguata, con un ulteriore 26% vulnerabile nel diventare insicuro dal punto di vista alimentare. Il l 45% dei bambini siriani di età compresa tra 0 e 5 anni non ha accesso a servizi sanitari adeguati, comprese vaccinazioni e servizi per disabili e Il 16% dei bambini siriani di età compresa tra 0 e 5 anni non ha un certificato di nascita. Il l 38% dei bambini siriani non va a scuola: la distanza, i costi, la mancanza di spazio e il bullismo sono i motivi per abbandonare o non iscriversi. Inoltre per i bambini siriani di 6-17 anni, il lavoro minorile e la violenza continuano a rappresentare dei problemi  fondamentali.

"Vista l'impareggiabile ampiezza della crisi siriana e la sua prolungata natura, la Giordania ha bisogno di un sostegno continuo per gestire l' impatto di questa crisi e soddisfare le esigenze dei bambini vulnerabili. - ha dichiarato Robert Jenkins, Rappresentante dell'Unicef Giordania - A sette anni da questa crisi, dobbiamo continuare collettivamente a fare tutto il possibile per sostenere i bambini rifugiati vulnerabili e le loro famiglie che lottano per soddisfare i loro bisogni primari".

Le famiglie siriane vulnerabili rifugiate nelle comunità ospitanti hanno condiviso le loro esperienze durante lo studio, comprese le loro lotte quotidiane per pagare l'affitto, per coprire le spese mediche e sostenere il costo per mandare i loro figli a scuola. Ci sono stati esempi di genitori che saltano i pasti per permettere ai loro figli di mangiare a sufficienza. Le famiglie siriane vulnerabili sono sempre più costrette a far fronte a meccanismi negativi come il lavoro minorile e il matrimonio precoce per sopravvivere. 

L'UNICEF collabora con il governo, i donatori e i partner per ridurre la povertà e altre sfide tra i bambini vulnerabili attraverso un sostegno mirato e per consentire ai giovani di impegnarsi positivamente nelle loro comunità e nella transizione verso opportunità significative di occupazione, istruzione e formazione continua. Ha dichiarato di avere in Giordania una carenza di finanziamenti pari a 145,7 milioni di dollari per soddisfare le esigenze di tutti i bambini e i giovani vulnerabili in Giordania nel 2018.

 

© Copyright Redattore Sociale

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa