:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Emergenza freddo, a Firenze 30 posti letto in più

Con l’arrivo del grande freddo continua e si intensifica il servizio di accoglienza invernale dei senza fissa dimora. Sant'Egidio raccoglie coperte, sacchi a pelo e indumenti

26 febbraio 2018

FIRENZE – Trenta posti letto in più nelle strutture d’accoglienza di Firenze. Con l’arrivo del grande freddo dalla Siberia continua e si intensifica il servizio di accoglienza invernale dei senza fissa dimora attivato il 1° dicembre scorso dal Comune di Firenze presso le Foresterie Pertini e del Fuligno, l'Albergo Popolare, l'Ostello del Carmine cui si aggiungono le strutture gestite dalla Caritas ovvero  l’Accoglienza Salesiani di via Gioberti, quelle di San Martino e di San Giusto a Scandicci.

- Il servizio consiste nell’offrire un’attività di pronta accoglienza notturna destinata a cittadini italiani e stranieri, uomini maggiorenni, donne sole e con bambini, residenti o non nel comune di Firenze, in possesso di un documento di riconoscimento. Confermando la scelta fatta negli anni scorsi, agli ospiti non viene fornita solo l’accoglienza notturna, ma vengono serviti anche il pasto serale e la prima colazione. Al calare della sera, poi, diventano operative le unità di strada impegnate a distribuire coperte, bevande e pasti caldi alle persone che sono al freddo, rispondendo così a situazioni di emergenza insieme agli operatori presenti presso le diverse strutture di accoglienza.

Chiunque può segnalare situazioni a rischio. Le segnalazioni all’assessorato al welfare posso essere fatte dal lunedì al venerdì, inviando una e-mail all’indirizzo assessore.funaro@comune.fi.it oppure telefonando, in orario di ufficio fino alle 18, al numero 055-2769141. Dalle 18 e nel week end è necessario chiamare la Foresteria Pertini allo 055-6533117, che può essere chiamata anche durante la settimana h24.

Anche la Comunità di Sant'Egidio ha aperto da domenica sera la sua sede a dieci persone senza fissa dimora già individuate e invitate. Nel frattempo il martedì, dalle 19 alle 20, e il sabato dalle 17 alle 19, Sant'Egidio raccoglierà coperte, sacchi a pelo e anche felpe, piumini, tute da ginnastica, scarpe pesanti da uomo e in buone condizioni. In questi stessi orari chi vuole può aiutare a preparare e a distribuire la cena ai senza fissa dimora. 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa