:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Emergenza freddo, a Prato task force per aiutare i senzatetto

Gli operatori del Progetto Noi setacciano le strade per convincere i senza dimora ad entrare nelle strutture. L’associazione La Pira d’accordo con il Comune di Prato ha deciso di ampliare i suoi posti letto nel dormitorio di via Roma

27 febbraio 2018

- PRATO – Gli operatori del Progetto Noi della cooperativa sociale Il Cenacolo, aderente al Consorzio Co&So, e di Pane e Rose, sono impegnati a setacciare le strade di Prato per cercare di convincere i senzatetto a raggiungere un riparo. L’associazione La Pira d’accordo con il Comune di Prato ha deciso di ampliare i suoi posti letto nel dormitorio di via Roma, una soluzione temporanea per affrontare questa settimana di emergenza freddo. Le dieci brande aggiuntive (che portano da 8 a 18 le persono che possono essere accolte) sono state fornite dalla Protezione Civile e sono distribuite in tre stanze. Ora serve trovare le persone che dormono ancora per strada per portarle al riparo. Il compito spetta ai mediatori di strada della cooperativa Il Cenacolo e della Cooperativa Pane e Rose che ogni pomeriggio percorrono in lungo e in largo la città per intercettare le situazioni di vulnerabilità.

In serata inoltre gli operatori del Progetto Noi collaboreranno con l’associazione La Pira per aiutare a gestire gli ingressi alla mensa e al dormitorio, spiegando alle persone accolte il regolamento della struttura, prendendo le loro generalità. “Nel concreto si tratta di monitorare il territorio e nel caso di incontri con senza fissa dimora che non hanno un alloggio per la notte si tratta di invitarli a raggiungere il dormitorio di via Roma  – spiega Marco Ceccarelli coordinatore del Progetto Noi della cooperativa Il Cenacolo –  nella situazione climatica di questi giorni convincerli a raggiungere un tetto potrebbe significare salvare loro la vita. Un metodo che funziona è cercare la collaborazione degli altri senza fissa dimora che già conosciamo, sono loro che spesso ci indicano se ci sono altre persone in strada e dove trovarle”.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa