:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

La nostra vita coi robot, un mese di incontri a Firenze

Una serie di conferenze intende fare il punto sullo sviluppo dell’intelligenza artificiale e sulle sue implicazioni sociali, economiche, etiche

01 marzo 2018

Robot, pezzo storni

FIRENZE - Robot che curano gli anziani, robot che preparano la cena, robot che assistono i malati, robot che fabbricano i nostri oggetti. Nei prossimi decenni molte mansioni umane, anche di alto livello professionale, verranno affidate ai robot e all’Intelligenza Artificiale: non è una visione o proiezione fantascientifica, ma una realtà che si sta sempre più delineando. I robot saranno anche in grado di prendere decisioni autonome?

Per riflettere sulle implicazioni etiche, sociologiche ed economiche di questa rivoluzione, la Fondazione Stensen di Firenze organizza un ciclo di incontri (a partire da sabato 3 marzo, tutti a ingresso libero) dal titolo ‘Macchine intelligenti? Ruoli e responsabilità sociali delle tecnologie avanzate’.

Attraverso gli interventi degli esperti, si rifletterà in merito alla quarta rivoluzione industriale, quella che sta portando ad una completa automatizzazione della produzione e alla creazione di una sempre più diffusa rete di interconnessioni tra i vari settori. I progressi in questo ambito sono di una rapidità e di una qualità impressionanti e producono macchine che stanno acquisendo crescente autonomia e certamente cambieranno in maniera radicale la nostra vita. Si prevede che il 2030 sarà l’anno che segnerà definitivamente l’inizio di una nuova era, quella della collaborazione fra essere umano e robot. Con la robotica, il mondo del lavoro cambierà drasticamente: una gran parte di mansioni svolte dall’essere umano diventeranno obsolete e scompariranno alcune professioni, a beneficio di altrettante nuove. 

Primo incontro sabato 3 marzo alle ore 15.30. Il titolo è ‘Intelligenza artificiale e interazione uomo-macchina’. Interverranno Marco Gori (Università di Siena), Benedetto Allotta (Università di Firenze), Alberto Tesi (Università di Firenze). Si rifletterà sulle implicazioni di questo cambiamento epocale, ci si chiederà se questa rivoluzione costituisce sempre e comunque un fattore di progresso o nasconde delle insidie.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa