:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Scuola in ospedale, foto in cambio di libri per costruire la biblioteca

Con la nuova lista di testi, il progetto Parolamia del fotografo Giovanni Marrozzini approda in Sardegna: 200 libri in arrivo per il reparto di pediatria a Cagliari in cui gli insegnanti della scuola statale fanno lezione ai piccoli pazienti. La lista disponibile dal 5 marzo

04 marzo 2018

CAGLIARI – “È molto difficile l’ospedale. Il primo giorno sei confuso, il secondo sei stordito, il terzo giorno sei annoiato e hai sempre paura”. Matteo ha 7 anni e una rara patologia autoimmune che lo costringe a stare in ospedale per lunghi periodi. La quotidianità dei suoi coetanei, fatta di scuola, famiglia, compiti e giochi ogni tanto gli appare solo come un bel ricordo. Nel suo reparto ci sono altri bambini che condividono con lui attese, speranze, timori. E lezioni scolastiche. 

Foto di Giovanni Marrozzini, Stretto di Magellano
Magellano

Scambio le mie foto con i libri  che poi fanno nascere piccole biblioteche in giro per il mondo”. Questo è Parolamia (http://www.marrozzini.com/parolamia/), spiega Marozzini:un modo per intrecciare e scambiare storie con storie, portando cultura nei posti più remoti del pianeta e nelle situazioni in cui c’è più bisogno di imparare. E di sognare.

-E così, dopo la foresta amazzonica, il Brasile, i borghi dell’Italia centrale martoriati dal sisma del 2016, un ospedale torinese e una scuola boliviana che accoglie i figli, spesso orfani, dei minatori, il progetto ora tocca la Sardegna. La nuova lista sarà lanciata lunedì 5 marzo dal web e, sempre attraverso il web e la libreria online Hoepli, consentirà ai lettori di acquistare i libri destinati all’azienda ospedaliera “G.Brotzu” di Cagliari e ricevere, in cambio, a casa la foto barattata: uno scatto d’autore realizzato da Marrozzini nello stretto di Magellano e corredato dalla recensione di Nadia Terranova. La foto sarà stampata da Lorenzo Lessi in tiratura limitata in 40 copie in formato 25x25 su carta Hahnemühle Photo Rag® Pearl 320 gr 100% Cotton. E ogni copia sarà firmata e numerata. Dal sito dell’autore, tutte le istruzioni per partecipare al baratto e al progetto sociale.

La scuola statale in ospedale è presente nel reparto pediatria del “Brotzu” da 17 anni. Il reparto si occupa della cura di diverse patologie come fibrosi cistica, malformazioni urinarie, diabete e cardiopatie. Le lezioni e le attività ludiche e creative sono svolte in una piccola aula e, se i bambini non possono uscire dalla propria stanza di degenza, le attività si spostano da loro. “La sfida per la scuola in ospedale – spiegano gli insegnanti - è fare in modo che non subentri il momento di noia e solitudine. Essere accolti dalla scuola durante la degenza significa trovare uno spazio noto dove riconoscersi, dove dare sfogo alla parte sana e creativa. E’ un filo che tiene i bambini uniti all’esperienza passata e conosciuta prima del ricovero e a quella futura con il rientro a casa. Significa regalare loro una cura totale e condivisa che possa donare serenità e speranza in un momento in cui tutto intorno sembra sgretolarsi”.

“L’idea che in quel reparto nasca una piccola biblioteca che aiuterà i bambini a distrarsi e a studiare mi dà una grande carica” racconta Giovanni Marrozzini che ora, dopo aver lanciato il progetto, che riscuote sempre ottime adesioni dai lettori internauti, sta già lavorando alla seconda fase di Parolamia: coinvolgere un ente o una istituzione che voglia abbracciare la sua idea e dare il proprio contributo per una diffusione sempre più capillare di piccole biblioteche in giro per il pianeta. (Teresa Valiani)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa