:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

“We Neet You”: prove di indipendenza per i giovani che non studiano né lavorano

In Italia i Neet sono il 19,9% dei giovani tra 18 e 25 anni. Il progetto del Comune di Bologna finanziato da Anci vuole aiutarli a valorizzare le loro competenze, coinvolgerli in laboratori e sviluppare conoscenze in diversi ambiti. Previste 400 ore a tempo pieno. Domande entro il 15 marzo

09 marzo 2018

- BOLOGNA – Offrire conoscenze e strumenti per inserirsi nel mondo del lavoro ed esperienze pratiche in ambito multimediale, teatrale, artistico-artigianale e di progettazione digitale. È l’obiettivo di “We Neet You”, il progetto dell’Ufficio giovani del Comune di Bologna rivolto ai giovani tra 18 e 25 anni che non lavorano e non studiano (Neet, Not in education, employment or training) finanziato da Anci con 190 mila euro nell’ambito del bando ReStart su progetti di innovazione sociale, prevenzione e contrasto del disagio giovanile. In Italia i giovani tra 18 e 25 anni che non studiano, non lavorano e non sono inseriti in percorsi di formazione sono il 19,9% del totale della popolazione di riferimento, una percentuale molto alta: basta pensare che la media europea è l’11,5%. Il progetto “We Neet You” mira ad aiutare questi giovani a riappropriarsi della propria indipendenza e a costruire un’immagine di sé di cittadini attivi, grazie all’acquisizione di conoscenze e competenze in diversi ambiti: formazione, lavoro, socialità e solidarietà. C’è tempo fino al 15 marzo per partecipare. 

We Neet You

Attivo tra aprile e novembre 2018, “We Neet You” prevede 350/400 ore a tempo pieno con il coinvolgimento di professionisti della formazione, dell’orientamento e degli strumenti per accedere al mondo del lavoro. Obiettivo del progetto è individuare abilità, attitudini, competenze dei giovani e valorizzarle e coinvolgerli in laboratori pratici per la realizzazione di video, produzione digitale, allestimento scenico e artigianato artistico con la collaborazione di Flashgiovani, Terra Verde, Cantieri Meticci e FabLab. È previsto un riconoscimento economico per i partecipanti per la collaborazione alla buona riuscita del progetto e alla creazione di buone prassi utili per altri giovani. Al termine del percorso, il progetto sarà presentato alla città con eventi e performance artistiche. (lp) 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa