:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Paralimpiadi, storica l’Italia dell’ice hockey: è in semifinale

La vittoria della formazione di Da Rin per 2-0 contro la Svezia certifica la matematica qualificazione degli azzurri alla semifinale del torneo paralimpico: è il risultato più alto nella storia di questo sport. Con Stati Uniti e Canada insuperabili, l’obiettivo è puntare al bronzo. Ma bisognerà vincere contro la Corea del Sud, padrona di casa

12 marzo 2018

PYEONGCHANG - Storica giornata per Italia del para ice hockey. Al Gangneung Stadium, nell'ultima sfida valida per il Gruppo A, gli Azzurri superano la Svezia con il punteggio di 2-0 e approdano per la prima volta alla semifinale di una Paralimpiade.

La cronaca del match vede gli uomini di Da Rin andare in vantaggio al 13esimo del primo tempo grazie a un gol di Sandro Kalegaris su assist di Florian Planker. A reti inviolate la seconda frazione di gioco. Nel terzo periodo l'Italia chiude i conti al minuto 15 con Gianluigi Rosa, su assist di Valerio Corvino e Nils Larch.

Negli altri match disputati nella giornata di oggi, nel gruppo A, quello dell'Italia, il Canada ha superato la Norvegia con il punteggio di 8-0, mentre nel raggruppamento B gli Stati Uniti si sono imposti 10-0 sulla Repubblica Ceca. Saranno proprio gli statunitensi, dunque, vincitori del gruppo B, a sfidare l’Italia nella prima semifinale, mentre il Canada dovrà vedersela con la Corea del Sud. Se i pronostici saranno rispettati, la medaglia d’oro sarà assegnata dopo una sfida stellare fra Canada e Stati Uniti, mentre per il bronzo gli azzurri dovranno compiere l’impresa contro una Corea del Sud trascinata dal pubblico locale.

''Abbiamo disputato tre match in tre giorni e alla fine la stanchezza si è fatta sentire - ammette Gregory Leperdi - siamo tra i primi quattro e finalmente andiamo a giocarci una medaglia''. ''In questa giornata storica per il para ice hockey italiano il mio pensiero va a tutti quei giocatori che hanno fatto grande questo movimento - dichiara il coach degli Azzurri Massimo Da Rin - siamo la prima squadra in Europa''.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa