:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

PyeongChang, record di biglietti venduti per una Paralimpiade invernale

Con oltre 320 mila tagliandi staccati, quella sudcoreana diventa l’edizione dei Giochi paralimpici invernali più seguita dal vivo: una conferma della progressione di visibilità e interesse del movimento paralimpico. Da Torino 2006 gli spettatori sono raddoppiati

13 marzo 2018

PYEONGCHANG – Record assoluto di biglietti venduti ad una Paralimpiade invernale per l’edizione di PyeongChang 2018: quando mancano ancora cinque giorni di eventi, sono stati staccati 320.531 tagliandi, un numero superiore a quelli che erano stati venduti quattro anni fa per i Giochi paralimpici di Sochi 2014. Anche i 316.200 biglietti di Sochi 2014 avevano rappresentato il miglior risultato di sempre nella storia paralimpica, a testimonianza di una progressione continua che edizione dopo edizione catalizza interesse ed entusiasmo. Il livello di biglietti venduti a PyeongChang è doppio rispetto a quelli dei Giochi Paralimpici di Torino 2006, quando erano stati staccati 162.974 tagliandi. Appare davvero come preistorico il tempo in cui per le gare paralimpiche non si vendevano biglietti, ma si promuoveva l’accesso gratuito negli stadi pur di garantirsi la presenza di pubblico sugli spalti.

- Alla cerimonia di apertura di venerdì 9 marzo hanno partecipato 21.000 persone (sono stati venduti il 72,5% dei biglietti disponibili) mentre 105.966 persone hanno acquistato i biglietti per i primi tre giorni di gara (partecipazione al 75%). I tre eventi più frequentati sono stati, del tutto ragionevolmente, quelli che hanno vista impegnata la nazionale della Corea del Sud e in particolare le gare di wheelchair curling del 12 marzo contro Canada (86% di posti occupati) e Germania (81% di posti occupati), e quella di para ice hockey contro il Giappone del 10 marzo (affluenza all’82%). Per le sessioni di gara dei prossimi giorni il Comitato organizzatore (Pocog) ha venduto il 90% dei biglietti disponibili, ma nessun evento è sold out, il che significa che rimane disponibilità per tutti gli eventi, compresi quelli più appetibili, e cioè le finali dei tornei di curling e hockey e la cerimonia di chiusura prevista per domenica 18 marzo allo Stadio di PyeongChang. I prezzi vanno dai 16.000 KRW (12 euro) circa dei gironi eliminatori di curling e hockey fino ai 70.000 KRW (50 euro) che sono necessari per assicurarsi i migliori posti per la cerimonia di chiusura (quella di apertura arrivava ai 140.000 KRW, 100 euro).

“E’ fantastico che PyeongChang 2018 – commenta il presidente del Comitato paralimpico internazionale, Andrew Parsons - abbia venduto un numero record di biglietti battendo il primato precedentemente stabilito a Sochi: la risposta dei coreani è stata eccezionale e gli atleti stanno facendo delle prestazioni eccezionali. Questi sono i Giochi invernali con più paesi, con più atleti, con più giornalisti e più testate accreditate di sempre e ora la speranza è che nei giorni che restano si possano aumentare ulteriormente le vendite”.

“Il popolo della Corea del Sud – afferma il presidente del Comitato organizzatore, Lee Hee-beom - ha abbracciato i Giochi paralimpici con passione, che molti stanno vivendo per la prima volta, ma siamo anche contenti per il numero di visitatori arrivati da oltreoceano, che con le loro bandiere creano un’atmosfera meravigliosa per le esibizioni di questi fantastici atleti. Abbiamo ancora alcuni giorni, incoraggio tutti a condividere questo momento speciale con noi”.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa