:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Toscana, attività sportiva per 2 milioni di persone: diminuiscono i sedentari

Un quarto dei toscani (941.000) pratica uno o più sport in modo continuativo e oltre 2 milioni svolgono attività fisica o sportiva. Donne e anziani i gruppi che fanno minore attività. I dati, dell'Istat e del Coni, sono contenuti nel primo rapporto sullo sport redatto dalla Regione Toscana

16 marzo 2018

Firenze - Un quarto dei toscani (941.000) pratica uno o piu' sport in modo continuativo e oltre 2 milioni di toscani svolgono attivita' fisica o sportiva. I dati, dell'Istat e del Coni, sono contenuti nel primo rapporto sullo sport redatto dalla Regione Toscana. L'analisi dimostra come dal 2001 al 2016 il numero di sedentari e' diminuito del 5% e circa 62.000 toscani hanno migliorato il proprio stile di vita facendo attivita' fisica. Il calcio, il tennis, la pallavolo, il basket e l'atletica, sono i cinque sport piu' diffusi. "Questo rapporto e' una fotografia, un punto di partenza, una base per un lavoro importante per il futuro delle politiche nella nostra regione", sottolinea il ministro dello Sport Luca Lotti, che ha preso parte alla presentazione a palazzo Strozzi Sacrati.

Il ministro, quindi, rivendica "un merito al governo in cui ho lavorato, quello di aver riportato le politiche sportive al centro dell'attenzione amministrativa dei nostri enti locali. In questo report, infatti, ho trovato gli spunti giusti e mi auguro che chi verra' dopo di me al governo segua questo indirizzo".

L'impegno della Regione, prosegue l'assessore alla Salute e allo Sport Stefania Saccardi, "e' orientato da tempo a promuovere e valorizzare la pratica dello sport e l'attivita' motoria come fattori determinanti per la salute e il benessere delle persone e delle comunita'". Non solo, aggiunge: "Aiuta a costruire relazioni significative, favorisce l'inclusione sociale, educa al rispetto delle regole, alimenta il senso di comunita' e di appartenenza. Per questo in Toscana vogliamo offrire in tutte le stagioni della vita, infanzia, adolescenza, giovinezza, maturita', terza eta', l'opportunita' per fare sport e svolgere attivita' fisica in modo sano, inclusivo, etico e partecipativo".

I toscani, secondo il primo rapporto sullo sport redatto dalla Regione, "hanno abitudini e comportamenti tendenzialmente piu' virtuosi rispetto alla media nazionale, in particolare nelle fasce piu' giovani della popolazione". Tuttavia, si precisa nell'analisi, "donne e anziani sono i gruppi che fanno minore attivita' fisica". Le donne, infatti, "fanno meno sport rispetto agli uomini soprattutto in eta' adulta, per il diverso peso dei carichi familiari". Tornando ai numeri, non fa sport ne' attivita' fisica il 35,3% delle donne e il 27,9% degli uomini. Lo fa in maniera continuativa il 22% delle donne e il 30% degli uomini (8,5% e 12% saltuariamente).

Sport anche come motore economico per la Toscana: il movimento riesce a movimentare importanti flussi di denaro legati alla gestione delle strutture sportive pubbliche e private, che contano oltre 2.500 addetti. Ci sono poi i consumi legati ad eventi e manifestazioni sportive che, nel 2016, hanno portato quasi 3 milioni e mezzo di toscani ad acquistare un biglietto per un volume di affari superiore a 200 milioni di euro.

In Toscana sono 6.210 gli impianti sportivi (1,65 ogni 1.000 abitanti), due terzi di proprieta' pubblica. Sono inoltre 320.340 gli atleti tesserati nelle diverse discipline (+2,9% nel 2016 rispetto al 2015) e 522.210 atleti tesserati per enti di promozione sportiva (+2,8% nel 2016 rispetto al 2015). In sostanza si contano 8.501 atleti ogni 100.000 abitanti, in Italia 7.654 atleti ogni 100.000 abitanti e 9.780 societa' sportive e nuclei associati. Sul fronte del sostegno finanziario, infine, tra il 2015 e il 2017 ammontano a circa 7 milioni i contributi economici che la Regione ha stanziato sull'impiantistica sportiva e oltre 2 milioni di contributi ad associazioni e societa' sportive dal 2016 al 2018. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa