:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Incidente Livorno, Acli: “Governo lavori su tema sicurezza”

Secondo Giacomo Martelli, presidente della Acli toscane, “la misura è colma” ed “è necessaria una mobilitazione costante che non si riaccenda sotto la miccia di una nuova tragedia, ma che sia permanente e strutturale nei rapporti di lavoro, ad ogni livello

29 marzo 2018

FIRENZE - “Le morti sul lavoro non sono mai una tragica fatalità. Morire in questo modo non è più accettabile”. Sono le parole di Giacomo Martelli, presidente della Acli toscane, in merito all'incidente al Porto di Livorno di ieri, dove sono morti due operai.

“Ogni volta – ha continuato Martelli - rinnoviamo inviti ad essere più attenti, a investire sulla formazione, a non sottovalutare mai i rischi. La misura è colma. E’ necessaria una mobilitazione costante che non si riaccenda sotto la miccia di una nuova tragedia, ma che sia permanente e strutturale nei rapporti di lavoro, ad ogni livello. Il nuovo Parlamento e il nuovo Governo hanno l’obbligo verso il Paese, nel rispetto delle vittime e delle loro famiglie, di rafforzare quanto già stato fatto, evidentemente non sufficiente. Aderiremo ad ogni iniziativa volta a ciò e uniremo le nostre forze a quelle di tutti coloro che intendono dare una svolta reale alla questione vitale della sicurezza sul lavoro”.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa