:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Young Audience Award 2018, gli adolescenti eleggono il miglior film europeo

Giovani fiorentini cercasi per far parte di una giuria di cinema internazionale che eleggerà il miglior film europeo per ragazzi. Sono aperte le candidature (per i giovani tra i 12 e i 14 anni) per lo Young Audience Award 2018

30 marzo 2018

- FIRENZE - Giovani fiorentini cercasi per far parte di una giuria di cinema internazionale che eleggerà il miglior film europeo per ragazzi. Sono aperte le candidature (per i giovani tra i 12 e i 14 anni) per lo Young Audience Award 2018, che si svolgerà al Cinema Stensen domenica 6 maggio. Nel corso della giornata, organizzata dall’EFA (European Film Award) in contemporanea ad altre 44 città di tutta Europa e all’Australia, 100 ragazzi fiorentini selezionati eleggeranno il miglior film europeo per ragazzi del 2018. Per iscriversi seguire le istruzioni sul sito della Fondazione Stensen (www.stensen.org)

Domenica 6 maggio, dalle 9.30 alle 18.30, una giuria di circa 100 ragazzi, muniti di badge e schede ufficiali di votazione, si riunirà nella sala della Fondazione Stensen per vedere i 3 film candidati al premio, selezionati da una commissione dell’European Film Acadaemy. Tra una proiezione e l’altra i ragazzi confronteranno le loro opinioni sui film con la guida di un esperto, e si rifocilleranno al buffet aperto tutto il giorno. Durante la giornata saranno connessi in videoconferenza con i loro colleghi stranieri.

I 3 film nominati per l’edizione 2018 sono: La fuga - Girl in Flight della regista pistoiese Sandra Vannucchi (fiction, Italia / Svizzera, 78'), storia di Silvia, una ragazzina toscana (interpretata dalla giovane attrice fiorentina Lisa Andreozzi) che va a Roma, un percorso emotivo tenero ed emozionante; Hobbyhorse Revolution di Selma Vilhunen (documentario, Finlandia, 90'), un film divertente e toccante su un gruppo di teenager problematici che scoprono la propria voce e il proprio talento cavalcando e realizzando dei cavallucci di legno; Wallay di Berni Goldblat (fiction, France / Burkina Faso / Qatar, 83'), storia del tredicenne Ady che viene mandato a trascorrere l’estate dallo zio in Burkina Faso. 

Firenze, con la Fondazione Stensen, sarà nuovamente partner dell’iniziativa e capofila italiano (collaborando con Museo Nazionale del Cinema di Torino e Alice nella città in accordo con Fondazione Cinema per Roma).

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa