:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Autismo, kermesse con i ragazzi e le famiglie al Politeama di Palermo

Serata in programma il 6 aprile, organizzata dall'associazione Parlautismo onlus. La presidente Rosi Pennino: "L'integrazione e l'inclusione sociale saranno i temi al centro del confronto con le istituzioni". L'importanza dei progetti di vita indipendente

02 aprile 2018

PALERMO - Una serata di festa per tutte le famiglie ma anche di forte sensibilizzazione sull'autismo, che vuole essere di stimolo per proseguire il percorso per la realizzazione dei progetti ed il miglioramento dei servizi dedicati. E' questo l'obiettivo della kermesse in programma il 6 aprile alle 21 al teatro Politeama di Palermo organizzata dall'associazione Parlautismo onlus in occasione della giornata mondiale che si celebra oggi.

box Durante la serata sono previste diverse performance di ragazzi autistici insieme ai loro compagni di classe. Inoltre ci saranno le testimonianze di familiari e tra questi quella dell'attore Fabrizio Bracconeri. E' prevista anche la partecipazione di alcuni esponenti istituzionali di regione e comune e inoltre dei due comici locali Matranga & Minafo'. L'evento si concluderà con la tradizionale e simbolica fiaccolata nella omonima piazza antistante il teatro. 

"Da anni ormai è consolidato il patto di solidarietà tra le famiglie di persone con autismo e le istituzioni a tutti i livelli - sottolinea Rosi Pennino, presidente di Parlautismo onlus -.Il cammino anche se difficile ci deve portare sempre di più a processi di integrazione sociale e a servizi reali". "Quest'anno abbiamo voluto concentrare l'evento su due temi principali che sono da una parte l'integrazione dei ragazzi nelle attività - prosegue Rosi Pennino - che si fanno a scuola e nel tempo fuori dalla scuola per fare passare il modello reale dei luoghi di inclusione sociale. L'altro tema che ci sta a cuore è poi quello del sistema che riguarda gli adolescenti e gli adulti sul percorso socio-lavorativo di integrazione reale. Per questo ci sarà l'assessore regionale all'Agricoltura con cui lanceremo dei progetti". 

Sull'autismo, se da un lato alcuni passi avanti sono stati fatti, ne restano però secondo la presidente di Parlautismo onlus ancora molti da fare. "Se da una parte ci sono state, infatti, conquiste importanti con la legge sull'autismo e sul 'dopo di noi' - spiega ancora Rosi Pennino - dobbiamo però constatare l'assenza dei decreti attuativi che devono dare vita concreta a quanto espresso dalle norme. Oltre ai progetti per il 'dopo di noi' crediamo fortemente che si debba lavorare tanto sul 'durante noi' in cui si deve preparare il terreno a percorsi concreti mentre ci sono le famiglie presenti. Sicuramente, sono stati avviati alcuni progetti che riguardano la rete assistenziale delle persone con autismo come previsto dal bando delle 0,1 che ha fatto partire alcuni servizi. Rimane aperta però ancora tutta la questione che interessa i progetti individualizzati di vita. Riteniamo, infatti, che l'assegno di cura è una conquista per le persone con disabilità ma ancora più importante è il progetto di vita. Sicuramente non si può barattare quanto previsto dalla legge 328 con l'assegno di cura. Oggi bisogna parlare piuttosto di libertà di cura e di scelte di cura e questo è un tema forte su cui ci confronteremo. Ricordiamoci che tutto questo accade perché la Sicilia è la regione in cui manca ancora una legge sociosanitaria che restituisca all'assessorato alla Sanità alcune competenze specifiche che sono oggi in mano all'assessorato alle attività sociali". (set)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Autismo

Stampa Stampa