:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Viaggio in Grecia. Con "Tempo Forte" la cultura contro la crisi

Il dialogo bilaterale fra Italia e Grecia riparte dalle ricchezze del passato, con un programma di iniziative in entrambi i Paesi e un metodo di lavoro che mette in contatto operatori culturali, artisti, studiosi, musei, teatri, fondazioni dell'una e dell'altra sponda

07 aprile 2018

ATENE – Espatriati, migranti, invasori: si parla delle connessioni nel tempo tra le comunità greche e gli stranieri nella Scuola Archeologica Italiana di Atene, con una serie di conferenze in programma fino a fine maggio, per fare il punto sull’economia e il commercio, la società e la cultura, la colonizzazione e l’imperialismo. Le conferenze sono parte integrante di Tempo forte, un nuovo programma di iniziative in entrambi i Paesi ma soprattutto un metodo di lavoro a lungo termine per mettere direttamente in contatto operatori culturali greci e italiani, artisti, studiosi, musei, teatri, fondazioni, e toccare, oltre alle due capitali, anche diverse città in Italia e in Grecia, per  rilanciare il dialogo bilaterale a partire dalla cultura. L’iniziativa è stata sancita nel corso del Primo Vertice Intergovernativo tra Italia e Grecia tenutosi nel settembre scorso a Corfù e presentata ufficialmente a fine marzo ad Atene dall’Ambasciata Italiana che la realizza in collaborazione con rappresentanti della presidenza della Repubblica ellenica, il ministero della Cultura, diversi artisti greci, Fondazioni, l’Istituto Italiano di Cultura di Atene e la prestigiosa Scuola archeologica italiana di Atene (SaiA).

Grecia Atene Teatro greco panorama

Il cartellone di primavera che dà il via alle attività pone in equilibrio vari ambiti culturali - dalla tradizione al contemporaneo, dal passato al futuro – selezionando iniziative di qualità già in programma e lanciandone nuove, con l’aspirazione di diventare un programma permanente di collaborazione senza confini, come suggerisce anche il logo, ideato dagli studenti della Scuola Italiana di Atene, con due mani che si stringono attorno al nome Tempo Forte. "L’idea è di esplorare forme di collaborazione a 360 gradi, senza trascurare alcun settore: dalla classicità alle espressioni più contemporanee che, particolarmente in Grecia, hanno resistito alla crisi degli ultimi anni ed anzi dimostrano grande vivacità forse anche come antidoto ad una congiuntura difficile", si legge nella nota diffusa dall’Ambasciata italiana. Grazie a questa iniziativa, dopo anni di assenza per la crisi, l’Italia torna ad Epidauro per partecipare al più importante festival di teatro classico in Grecia: sarà presente il 17- 18 agosto con l’Edipo a Colono, realizzato dall’Istituto Nazionale per il Dramma Antico di Siracusa, assieme al noto scenografo greco Kokkos. "Tempo Forte vuole essere trasversale: partirà dalla Grecia, nello specifico da Atene, con un evento di presentazione. Ma intende attraversare il territorio ellenico, raggiungere l’Italia e spostarsi lungo lo Stivale in un’ottica di dialogo, di inclusione, collaborazione e di mutuo arricchimento".

Tra gli appuntamenti da non perdere il “Festival delle due Culture” dal 13 al 16 aprile ad Atene: cinque giorni di cinema, teatro, musica arte e cucina e una mostra di comics che diventerà itinerante, con appuntamenti a giugno a Mitilene e poi in varie città italiane con l’artista greco Botsos e l’italiano Palumbo. Al Teatro dell’Arte del quartiere ottocentesco della Plaka dal 12 aprile andrà in scena Shakespeare con la musica di Ludovico Einaudi, mentre lo scrittore Carlo Lucarelli con l’editore  Nicola Crocetti saranno dal 3 al 6 maggio alla Fiera Internazionale del Libro di Salonicco  e sempre a maggio il violinista Luca Ciarla terrà concerti sia lì che ad Atene. Qui il 25 maggio il Museo di Arte Cicladica ospiterà l’incontro su “Cosa aspettarsi in futuro dalla medicina per il miglioramento delle strutture socio-economiche durante la crisi finanziaria europea”, organizzato dalle scuole di Medicina dell’Università di Creta e dell’Università di Roma “La Sapienza” con il supporto dell’Ambasciata d’Italia ad Atene. Sempre nella capitale greca la prima settimana di giugno si inaugura una retrospettiva cinematografica dedicata a Pierpaolo Pasolini con una ventina di film e documentari, realizzata in collaborazione con la Cineteca di Grecia e la Cineteca Nazionale di Bologna  e inoltre l’Ambasciata sta lavorando per l’apertura di una casa-museo sull’isola di Zante dedicata a Ugo Foscolo. (Ida Palisi)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa