:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Terremoto, scossa nelle Marche: torna la paura

Epicentro a 2 Km da Muccia (Macerata). In azione dall’alba il sistema regionale di Protezione Civile. La scossa è stata avvertita anche in Umbria. Gentiloni: "Protezione civile impegnata sul posto con i sindaci e le popolazioni colpite"

10 aprile 2018

ROMA – Torna la paura nel centro Italia. Alle 5.11 di questa mattina una scossa di magnitudo 4.7 è stata registrata dai sismografi dell’Ingv con epicentro a 2 Km da Muccia (Macerata).  I comuni più vicini all’epicentro sono: Muccia,  Pieve Torina, Pievebovigliana. In azione dall’alba il sistema regionale di Protezione Civile. Non si registrano al momento feriti. Tra i danni da segnalare il crollo del campanile di una chiesa a Muccia.

-"La zona interessata dai terremoti di questi ultimi giorni si era attivata a fine ottobre 2016, tra il 26 e il 30 ottobre, quando sono avvenuti alcuni dei più forti eventi sismici della sequenza: quelli del 26 ottobre di magnitudo 5.4 e magnitudo 5.9 e quello di magnitudo 6.5 del 30 ottobre 2016”, si legge sul sito dell’Ingv. La scossa è stata avvertita anche in Umbria.

Riattivata la tratta ferroviaria fra Civitanova e Macerata che questa mattina era stata bloccata a scopo precauzionale da Trenitalia. Ancora sopsesa la tratta fra Macerata e Albacina dove proseguono le verifiche da parte delle squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana. 

"Muccia Pieve Torina. Ancora scosse, danni, paura. La Protezione civile impegnata sul posto con i sindaci e le popolazioni colpite", scrive su twitter il premier Paolo Gentiloni. "Il Ministero dei Beni e delle Attivita' Culturali e del Turismo ha attivato le proprie unita' di crisi per la verifica dei danni e la messa in sicurezza del patrimonio culturale eventualmente danneggiato dalla scossa di terremoto che ha colpito questa mattina il Maceratese". Lo comunica il segretario Generale del Mibact, Carla di Francesco che sottolinea come "il personale del Mibact sia gia' in loco in stretto contatto con il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, la Protezione Civile e i Vigili del Fuoco". (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa