:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Firenze, i profughi musulmani alla scoperta delle altre religioni

Progetto della Cooperativa Il Cenacolo he mira all'integrazione passando attraverso la religione. L'obiettivo è quello di incontrare tutte e 13 le religioni presenti nel territorio

12 aprile 2018

FIRENZE – I richiedenti asilo di fede musulmana vanno alla scoperta delle altre religioni presenti a Firenze. Il primo incontro è stato quello con i cattolici, mercoledì scorso, al seminario vescovile di Fiesole. Si tratta di un progetto della Cooperativa Il Cenacolo, aderente al Consorzio Co&So, che mira all'integrazione passando attraverso la religione. L'obiettivo è quello di incontrare tutte e 13 le religioni presenti nel territorio. E alla fine di questo percorso sarà organizzato un grande incontro di preghiera interreligiosa a Fiesole. “Abbiamo voluto fortemente quest'occasione – dice Davide Delle Cave, coordinatore della Cooperativa Il Cenacolo - perché siamo convinti che il rispetto e l'accettazione delle altre fedi religiose passi necessariamente dalla conoscenza e dalla condivisione delle stesse”. Un progetto che ha riscontrato anche il plauso della Prefettura di Firenze.

Il gruppo di “pellegrinaggio” è formato da sei richiedenti asilo che arrivano dalla Costa D'Avorio, Gambia e Guinea, tutti di fede musulmana. “Siamo felici di poter partecipare a questa iniziativa – dice Oumar Sanogo – l'idea di conoscere le altre religioni è bellissima”. Gli immigrati hanno prima fatto alcuni incontri di studio della religione cattolica poi sono andati a visitare il seminario vescovile di Fiesole. I profughi erano molto interessati a capire chi fosse Gesù e siccome l'Islam ha le sue regole e i suoi pilastri, con quella stessa mentalità, cercavano di individuare quelli della religione cattolica. Don Gabriele ha spiegato loro la simbologia della chiesa cattolica. “Solo attraverso la conoscenza è possibile instaurare relazioni autentiche di amicizia – afferma Don Gabriele – e soltanto così è possibile evitare pregiudizi che non corrispondono alla realtà”. Un seminarista si è unito al gruppo di immigrati, che si allargherà ancora con nuovi rappresentanti man mano che saranno fatti gli incontri con le altre fedi. Il prossimo appuntamento è con gli Hari Krishna.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa