:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

L'innovazione è anche “automazione”: a Roma arriva RomeCup 2018

Dal 16 al 18 aprile nella capitale l'iniziativa promossa dalla Fondazione Mondo digitale, dedicata a “Robotica e scienze della vita nell'ecosistema dell'innovazione”. Tre giorni di immersione nel presente e nel futuro dell'uomo. Coinvolti scuole, atenei, centri di ricerca, startup, industrie e imprese

15 aprile 2018

ROMA – Automazione per innovare e sviluppare: è la sfida che lancia la RomeCup 2018, “Robotica e scienze della vita nell’ecosistema dell’innovazione”, in programma dal 16 al 18 aprile nella capitale, all'Università Campus Bio-Medico di Roma e in Campidoglio. L'iniziativa, promossa storicamente dalla Fondazione Mondo Digitale, propone tre giorni di “full immertion” nel presente e nel futuro dell’uomo, che coinvolge scuole, atenei, centri di ricerca, startup, pmi e distretti produttivi. Inaugura la manifestazione Virginia Raggi, sindaca di Roma Capitale. 

box Il programma, dalle protesi all'educazione. Tante le “innovazioni” che saranno poste sotto i riflettori: i primi umanoidi in grado di operare sott'acqua, le performance degli atleti bionici e le protesi sensibili degli arti sono al centro delle lectio magistralis di Oussama Khatib, Robert Riener e Nitish V. Thakor, tre dei massimi esperti di robotica al mondo, che aprono la manifestazione. Segue la tavola rotonda su "Educazione e lavoro nella società dell’automazione" con M. Chiara Carrozza (Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa), Eugenio Guglielmelli (Università Campus Bio-Medico di Roma), Sergio Iavicoli (Inail), Alfonso Molina (Fondazione Mondo Digitale) e Rinaldo Sacchetti (Centro protesi Vigorso di Budrio). 

Giunta alla sua dodicesima edizione, la RomeCup ripropone la formula del “multi evento” e sperimenta nuovi format, come i contest creativi che coinvolgono universitari e team di studenti in alternanza scuola-lavoro, i talk interattivi di orientamento e Mux, un originale percorso di ricerca artistica tra intelligenza artificiale e creatività naturale. Area convegnistica, laboratori, area espositiva con oltre 130 prototipi realizzati anche dalle scuole, e competizioni di robotica, con selezione delle squadre italiane che parteciperanno ai mondiali di robotica in Canada (Robocup Junior), sono ospitate dall'Università Campus Bio-Medico di Roma. Il terzo giorno finali e premiazione in Campidoglio. 

Per la prima volta, con il contributo dell’ateneo romano, la RomeCup 2018 propone un focus su scienze della vita, robotica e innovazione, coinvolgendo la filiera produttiva delle bioscienze, uno dei comparti di eccellenza dell’economia laziale. All’evento “Digilife Strategy Workout”, promosso con Lazio Innova (main partner), partecipano pmi, grandi aziende, start up innovative, spin-off, università, centri di ricerca, ospedali, centri di cura e scuole: una sfida di open innovation per stimolare un dialogo creativo e strategico tra i diversi attori e mettere a fattor comune risorse ed eccellenze del settore. Alla dodicesima edizione collaborano anche Tim, Olivetti, Enea, Msd Italia, Unindustria, Masmec e Inail. Tra i media partner Radio Rai 1 e Studenti. L’iniziativa è realizzata con il patrocinio di Roma Capitale, Assessorato Roma Semplice, Regione Lazio e Ambasciata americana in Italia.

Sono previsti oltre 5 mila visitatori. All’iniziativa intervengono l’Università Sapienza di Roma, l’Università degli studi di Roma Tor Vergata e l’Istituto di Bio-Robotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. In connessione con la RomeCup 2018 i progetti Make:Learn:Share:Europe (Erasmus+), Mathisis (Horizon 2020) e Mix User Experience - MUX in collaborazione con il Palazzo delle Esposizioni.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa