:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

“Io regalo”: dalla Lombardia al Molise, la solidarietà viaggia su Facebook

Donare a chi ha bisogno, ma anche ridurre gli sprechi favorendo il riuso: è la filosofia alla base della onlus “Io regalo”, che riunisce gruppi Facebook presenti sull'interno territorio nazionale. Oggi presenti tutte le regioni: in testa Puglia e Molise, con 32 mila e 15 mila iscritti

16 aprile 2018

ROMA – Tra i mille volti di Facebook, c'è anche quello della "sperimentazione" sociale: tanti sono gli esempi di realtà, grandi o piccole, che utilizzano questo canale per ideare e far circolare buone prassi. Gruppi spontanei che sfruttano la capillarità del social per raggiungere il maggior numero di persone, coinvolgendole in campagne, iniziative, progetti.

- Oggi ce ne viene segnalata una, interessante sopratutto per la sua capacità di affermarsi ed espandersi a livello territoriale e in particolare al sud, in una regione piccola, come è il Molise, che pure in questo caso ha un ruolo di primo piano. Si chiama “Io regalo” ed è un'associazione che riunisce gruppi Facebook presenti appunto nelle diverse regioni. A parlarcene è Luca Spina, molisano e amministratore della onlus. “L'associazione è nata nel 2012 dall'idea dell'amico lombardo Roberto Regonasi – L'intento è quello di utilizzare Facebook per aiutare chi è in difficoltà economica a procurarsi ciò che desidera, ma per cui non potrebbe spendere; ma anche combattere gli sprechi, creando un circolo virtuoso che fa risparmiare le persone e al tempo stesso produce meno rifiuti. Il progetto promuove infatti il riuso come buona pratica sempre più importante nelle decisioni di consumo. In questi anni abbiamo aiutato moltissime persone che non potevano permettersi dei beni fisici ed ogni giorno lo facciamo sempre con più impegno e passione”: 

Passione e impegno che, grazie al nutrito gruppo di volontari coinvolti come amministratori dei diversi gruppi, sta dando i suoi frutti, facendo decisamente lievitare i numeri e le dimensioni di questa realtà. “In poco tempo si sono formati i diversi gruppi regionali – racconta Luca Spina - molti dei quali sono presto cresciuti in modo esponenziale. Oggi siamo presenti in tutte le regioni ed è difficile calcolare il numero complessivo di iscritti, che è in continua evoluzioni. Possiamo però dire che i picchi si registrano attualmente in Puglia e in Molise, rispettivamente con oltre 32 mila e oltre 15 mila iscritti”. 

Le regole sono poche ma chiare: “si pubblica l’annuncio con annessa foto del prodotto per verificarne l’integrità, l’interessato 'si mette in coda', perché nessun oggetto può essere assegnato sulla base di criteri di simpatia o altri canali preferenziali. Infine, una volta che l’oggetto viene assegnato, ci si accorda privatamente per il ritiro. Il tutto è costantemente gestito da un team di volontari, che amministrano e gestiscono i vari gruppi. Senza il loro quotidiano impegno, tutto questo non sarebbe possibile”. (cl)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa