Dislessia, il disturbo più diffuso. Rappresenta il 42,5% delle certificazioni, anche se più disturbi possono coesistere in una stessa persona. Seguono le certificazioni per la disortografia (20,8%), quelle per la discalculia (19,3%) e quelle per la disgrafia (17,4%).

Crescono le certificazioni. Dalll'anno scolastico 2010-2011 a quello 2016-2017 si osserva una "notevole crescita" delle certificazioni di Dsa, dovuta, spiega il ministero, all’introduzione della legge 170 del 2010 grazie alla quale "la scuola ha assunto un ruolo di maggiore responsabilità nei confronti delle alunne e degli alunni con questi disturbi, con più formazione per il corpo docente e una sempre maggiore individuazione dei casi sospetti".