:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Firenze, nuova vita al parco grazie alla fondazione bancaria

Sono cominciati oggi gli interventi di risanamento dell’intera area del Parco di Villa il Ventaglio, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze con uno dei progetti Art Bonus dedicati al Polo museale della Toscana

19 aprile 2018

FIRENZE – La fondazione bancaria recupera il parco. Sono cominciati oggi a Firenze gli interventi di risanamento dell’intera area del Parco di Villa il Ventaglio, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze con uno dei progetti Art Bonus dedicati al Polo museale della Toscana. L’area verde è infatti, dal luglio 2015, uno dei 49 musei e luoghi della cultura gestiti del Polo museale della Toscana. Acquistato dallo Stato nel 1967 con l'esercizio del diritto di prelazione, fu progettato e realizzato da Giuseppe Poggi a metà dell’Ottocento, anticipando nel modello compositivo del giardino romantico all’inglese le soluzioni poi adottate per il Viale dei Colli. Il Parco in stile inglese si estende sulla collina per circa cinque ettari, ed è attraversato da una strada carrozzabile che offre un più facile accesso alla villa, in alternativa alla ripida via delle Forbici. La riapertura al pubblico dell’intera area è prevista per la fine della primavera.

La maggior parte dell’area verde compresa tra il grande prato e la Villa (che non fa parte del sito gestito dal Polo museale) è chiusa al pubblico dal luglio del 2014, per decisione dell’allora Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Firenze a seguito della mancanza dei fondi necessari alla manutenzione ordinaria e straordinaria dei cinque ettari di patrimonio arbustivo e boschivo che si estendono sulla collina delle Forbici. Da allora è rimasta aperta al pubblico solo la zona del pratone, ampia circa un ettaro e corrispondente approssimativamente a un quinto dell’estensione complessiva del parco.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa