:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

I giovani di Antoniano e Ape sul palco con Roger Waters

Nelle 4 date all’Unipol Arena di Casalecchio (21, 22, 24 e 25 aprile), il musicista britannico ha coinvolto un gruppo multietnico di adolescenti seguiti dai progetti educativi e integrazione delle due associazioni. Insieme hanno eseguito una coreografia durante “Another brick in the wall”

24 aprile 2018

ragazzi Antoniano con Roger Waters

BOLOGNA – Un gruppo multietnico di adolescenti seguiti dai progetti di educazione e integrazione delle associazioni Antoniano onlus e Ape onlus sul palco insieme a Roger Waters per le 4 date bolognesi del suo tour. Il 21 e il 22 aprile all’Unipol Arena di Casalecchio, 12 ragazzi e ragazze tra gli 11 e i 15 anni si sono esibiti in una coreografia ideata dallo staff dell’ex leader dei Pink Floyd il quale, durante il sound check, ha cercato di far comprendere loro l’importanza della loro presenza sul palco, il senso dell’esibizione e i passi. “Ognuno dei ragazzi ha portato a casa la fatica della preparazione, la concentrazione, l’emozione di una platea immensa la relazione con un grande artista e una foto ricordo autografata che darà loro modo di non dimenticare questa esperienza”, ha detto Teresa Londino di Antoniano onlus. La performance si ripeterà questa sera, 24 aprile, e domani, 25 aprile. 

I ragazzi, chiamati a rappresentare il futuro e a dar corpo alle parole “We don't need no education | We don't need no thought control | No dark sarcasm in the classroom […]”, hanno potuto condividere per qualche ora la vita di una rockstar: le prove, la cena con lo staff, il backstage. “Un grande artista – afferma Federica Donà di Ape onlus –, che ha seguito nel dettaglio l’accoglienza e la cura dei nostri ragazzi, donando loro un susseguirsi di emozioni. Colpisce in particolare la frase che Roger Waters pronuncia al termine della canzone dopo l’applauso del pubblico: ‘Questi sono proprio i vostri ragazzi di Bologna’. Un invito a essere orgogliosi di loro, uno stimolo a prenderci cura di tutti i bambini e i ragazzi del mondo”. (lp)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa