:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Riciclabile e antisismico: ad Accumoli nasce il centro polifunzionale

La struttura è stata realizzata grazie ad una gara di solidarietà: raccolti 300 mila euro. Inaugurazione il 27 maggio. Il progetto, ispirato al sistema costruttivo giapponese, sarà esposto al Padiglione Italia della Biennale di Architettura di Venezia

10 maggio 2018

ROMA - E’ riciclabile, antisismico  ed è lo sviluppo italiano di un sistema costruttivo giapponese. E’ il nuovo centro Polifunzionale di Accumoli (Rieti), uno dei paesi più colpiti dal terremoto del  2016. La struttura si chiama “Accupoli”, è destinata ad ospitare eventi e incontri per la collettività ed è la prima in Italia realizzata, nelle parti portanti, in legno compensato. L’inaugurazione è fissata per il 27 maggio alle 11. 

La struttura è stata realizzata grazie ad una gara di solidarietà di molti soggetti che vale circa 300 mila euro: oltre al contributo della Compagnia di San Paolo e di Acri (l’associazione che rappresenta collettivamente le Fondazioni di origine bancaria) anche l’Auser ha contribuito con 32 mila euro, frutto di una parte della raccolta fondi nazionale scattata all’indomani del sisma. Con i fondi che sono stati messi a disposizione, l’Auser ha contribuito alla realizzazione della rampa d’accesso esterna alla struttura ed agli arredi interni. 

La struttura di Accumoli è stata progettata da Help 6.5, acronimo di Housing in Emergency for Life and People, l’associazione fondata a luglio 2017 dall’architetto torinese Lorena Alessio, ricercatrice al Politecnico di Torino, e da un pool di studenti ed ex studenti dell’ateneo stesso. La nascita di Accupoli s’inserisce nella collaborazione fra il Politecnico di Torino e il Kobayashi Lab di Tokyo ed è lo sviluppo concreto di un modulo sperimentale nato sulla falsariga del sistema costruttivo Veneer House, messo a punto dal professor Hiroto Kobayashi dopo il terremoto del Tohoku del 2011, che provocò uno tsunami e il disastro di Fukushima. Il progetto  è stato selezionato in Arcipelago Italia e sarà esposto al Padiglione Italia della Biennale di Architettura di Venezia di quest’anno.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa