:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Special Olympics, 3 mila atleti in gara in Toscana

Edizione numero 34 per i Giochi Nazionali Estivi Special Olympics, che si terranno a Montecatini Terme e in Valdinievole dal 4 al 9 giugno prossimi. Provenienti da tutta Italia, gli atleti con o senza disabilità intellettiva si sfideranno, insieme, in 18 discipline sportive

14 maggio 2018

- FIRENZE – Edizione numero 34 per i Giochi Nazionali Estivi Special Olympics, che si terranno a Montecatini Terme e in Valdinievole dal 4 al 9 giugno prossimi. Gli atleti con disabilità intellettiva in gara saranno oltre 3000, provenienti da tutta Italia. Il confronto sportivo avverrà su 18 discipline: atletica leggera, badminton, bocce, bowling, calcio a 5, canottaggio, dragon boat, equitazione, ginnastica artistica e ritmica, indoor rowing, golf, nuoto, pallacanestro, pallavolo unificata, rugby, tennis e tennis tavolo. Le gare di sport unificato, che riguarderanno quasi tutte le specialità, prevedono la partecipazione di atleti con e senza disabilità intellettive insieme.

L'inizio dei giochi sarà preceduto dalla Torch Run, che partirà da Firenze mercoledì prossimo, 16 maggio, e toccherà 18 Comuni (oltre a Firenze, Prato, Pistoia, Lucca, Capannori, Altopascio, Collodi, Pescia, Uzzano, Borgo a Buggiano, Pieve a Nievole, Margine Coperta, Lamporecchio, Larciano, Monsummano Terme, Chiesina Uzzanese, Ponte Buggianese e arrivo a Montecatini Terme). L'accensione del tripode avverrà in occasione della cerimonia d'apertura il 5 giugno alle 20.30 presso l'Ippodromo Sesana.

"Un evento di importanza straordinaria – ha detto Stefania Saccardi, assessore toscano allo sport – che siamo fieri di ospitare in Toscana. Vedremo tanti ragazzi e ragazze disabili misurarsi tra di loro, ma anche confrontarsi e passare del tempo insieme: il connubio sport-disabilità è una delle partite che ci vedono da molto tempo impegnati. La Toscana ha iniziato prima col progetto SportHabile, e successivamente con altre collaborazioni con il Comitato Italiano Paralimpico, a costruire percorsi importanti per rendere lo sport accessibile a tutti. Lo sport per le persone disabili è un elemento fondamentale di inclusione e integrazione sociale, quasi imprescindibile".

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa