:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Al Meazza la fase finale del torneo dei condomini (che migliora i rapporti)

A Milano la prima edizione del campionato che ha l'obiettivo di migliorare i rapporti tra vicini di casa. Otto le squadre che si sono sfidate quest'anno, con al seguito anche i vicini tifosi. Ha vinto il condominio Battisti di Pero. E ora scendono di nuovo in campo nel tempio del calcio milanese, dove si terrà anche la premiazione

23 maggio 2018

- MILANO - Le luci dello stadio Meazza si accendono per il torneo dei condomini. Oggi a partire dalle ore 17 si sfideranno le otto squadre condominiali che hanno partecipato quest'anno alla prima edizione del campionato organizzato per loro dall'Unione sportiva delle Acli. Il campionato è stato vinto dal condominio Battisti di Pero e allo stadio Meazza le squadre si sfideranno di nuovo, prima della premiazione, con il solo scopo di celebrare la prima edizione. L'obiettivo del campionato è stato duplice: promuovere relazioni di buon vicinato e stili di vita sani. "Posso riportare due risultati non supportati da dati statistici ma da riscontri empirici -spiega Domenico Lupatini, presidente della Us Acli-:  le riunioni di condominio realizzate in questo periodo sono state meno litigiose, più collaborative e molti condòmini, sono entrati per la prima volta in una relazione autentica con i propri vicini con i quali hanno condiviso le fatiche in campo. In alcuni casi sono nate amicizie inedite e inedite collaborazioni sia all’interno della vita condominiale che all’esterno". Le altre squadre che hanno partecipato al campionato sono: Conca Fallata, Caldera 23, Donna Prassede, Il Parco, Santa Giulia Devils, Taggia e Condominio D'Europa. 

"Quando mi è stata proposta l'idea di formare una squadra mi sono subito entusiasmato -ricorda Giuseppe Barletta, allenatore del condominio Battisti-. Avevamo bisogno di 14 giocatori, con il passaparola tra vicini di casa siamo arrivati a 20. E prima dell'inizio del campionato abbiamo fatto un po' di partite amichevoli tra di noi, per conoscerci. In questi mesi si è creato un clima molto bello. Dopo ogni partita andavamo fuori a cena". Quasi tutte le squadre condominiali avevano anche il tifo al seguito. "Nel nostro condominio ci sono circa 200 appartamenti, divisi in diverse scale -aggiunge Giuseppe Barletta-. Alcune persone non le avevo mai viste. Grazie a questo torneo abbiamo potuto conoscersi bene. E ora insieme stiamo organizzando nell'oratorio di Pero un torneo per i bambini del paese".

Al Meazza, dopo le partire (intorno alle 19) si terranno la premiazione e il convegno "Condominio Cardioprotetto: che cosa dicono gli studi scientifici, che cosa testimonia l’esperienza". Oltre ai classici trofei sportivi, i Condomini classificati nei primi tre posti riceveranno in premio un defibrillatore: il primo è offerto dalla campagna “In campo con il Cuore”, mentre gli altri due saranno acquistati e donati dalla Società Cooperativa Servizi per l’Abitare, che nei prossimi mesi si impegnerà non solo a dotare ogni condominio gestito di questo strumento salva-vita, ma anche a fornire corsi di formazione sul loro utilizzo.

Il torneo dei condomini al Meazza si svolge nell'ambito di un evento più ampio: Us Acli Day. Lungo tutta la giornata di mercoledì 23 maggio scendono in campo oltre 2mila atleti di ogni età, mentre altrettanti siederanno sugli spalti del tempio del calcio milanese. Dalle ore 9.30, 90 squadre giovanili, 32 squadre di calcio a 11 e 22 di calcio a 7 si alterneranno per dar vita ad una giornata di festa, di sport e di amicizia. Al gioco si affiancheranno anche momenti di approfondimento. Gli incontri – sotto forma di convegni, dibattiti, che si terranno presso la Sala Arancio dello Stadio – racconteranno alcune tra le più importanti iniziative che l’Unione sportiva ha promosso durante l’ultimo anno. Oltre al convegno sul Condominio cardioprotetto, si terrà infatti anche l'incontro “La città interculturale e il bene comune” che conclude così la seconda edizione della “World Cup”, torneo di calcio che ha visto la partecipazione di 28 squadre (per lo più rappresentative di consolati), 32 etnie diverse e 330 Atleti e che quest’anno ha ricevuto il patrocinio di 20 Consolati. (dp)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa