:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Adozioni internazionali in declino: calo del 76% nel mondo

In corso a Milano la Conferenza Internazionale Euradopt degli enti autorizzati. Drastico calo delle adozioni tra Paesi. Si è passati dalle 45 mila del 2004 alle 11 mila del 2016. In Spagna diminuzione del 90%, in Olanda 80% e negli Usa del 77%. In Italia -45%

25 maggio 2018

MILANO - Nel mondo le adozioni internazionali sono calate del 76% dal 2004 al 2016. In alcuni Paesi la diminuzione è stata ancora più drastica: del 90% in Spagna, dell'80 in Olanda e del 77% negli Stati Uniti. In Italia sembra sia andata meno peggio: il calo è stato "appena" del 45%. È quanto emerge dalla XII Conferenza Internazionale di Euradopt (la rete degli enti autorizzati alle adozioni internazionali), in corso a Milano: 280 -le organizzazioni partecipanti, da 24 paesi. Nella sua relazione sul declino delle adozioni internazionali, Peter Selman, docente alla Newcastel University, ha snocciolato le cifre di una vera e proprio debacle. Per oltre un decennio c'è stata una crescita costante, passando dalle 22 mila del 1995 alle 45 mila del 2004, ma poi è iniziato il calo inarrestabile e così nel 2013 erano 17 mila e nel 2016 si è arrivati al minimo storico di 11 mila. 

Il calo delle adozioni internazionali non ha risparmiato nessuno dei 23 Paesi in cui normalmente i bambini giungono. Alcuni esempi. Negli Stati Uniti si è passati dalle quasi 23 mila adozioni del 2004 a 5.376 del 2016. Nello stesso arco di tempo, in Spagna dalle 5.641 adozioni si è scesi a 567. Stessa situazione in Francia (da 4.079 a 953) e Canada (da 1.955 a 790). I bambini adottati provengono soprattutto da Cina, Congo, India, Colombia, Russia, Vietnam e Haiti. (dp)

© Copyright Redattore Sociale

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa