:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

"Sportina", la piattaforma online di scambio e riuso di materiale sportivo

Un luogo virtuale di condivisione per promuovere la pratica sportiva. L’idea è di Uisp Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena e Reggio Emilia e Us Acli. Le società iscritte possono richiedere materiale, donarlo o promuovere i propri eventi. L’associazione Rugby Bologna 1928 ha donato scarpe e maglie

26 maggio 2018

- BOLOGNA – Una piattaforma online per regalare e scambiare gratis materiale sportivo di seconda mano. È “Sportina”, il market place – dove non si utilizza denaro – nato dalla collaborazione tra Uisp (Unione italiana sport per tutti) con i comitati di Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena e Reggio Emilia. L’obiettivo? “Creare un luogo virtuale di condivisione che dia frutti concreti nella promozione della pratica sportiva. Un circolo virtuoso di scambio e riuso che esclude l’acquisto in denaro e premia progetti di sport sociale e solidarietà”.

Il nome scelto arriva dalla sportina ovvero la busta di plastica in bolognese, utilizzata per la spesa. Il termine ovviamente può far riferimento a qualsiasi borsa in plastica anche quelle usate da chi pratica sport per raccogliere le divise sporche dopo la partita. Su “Sportina” ogni società sportiva iscritta può richiedere il materiale necessario alla propria attività, donarlo e organizzare eventi sportivi, promuovendoli al pubblico. 

Scarpe, palloni, reti, panche da spogliatoio sono alcune delle cose che si possono trovare su “Sportina”. Si tratta di materiale sportivo non più utilizzato ma che può tornare utile in particolare a quelle società sportive che operano in contesti deboli. Tra le società che hanno già scelto di usare la piattaforma online c’è l’associazione sportiva Rugby Bologna 1928 che ha donato 16 paia di scarpe e 9 maglie da gioco.

“Sportina” è uno dei progetti finanziati dalla Legge 34 della Regione Emilia-Romagna, finalizzata alla valorizzazione delle associazioni di promozione sociale. Il sito è una delle fasi attuative del progetto “Sport-aid” che ha l’obiettivo di contrastare la marginalità sociale attraverso l’associazionismo sportivo. (lp)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa