:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Firenze, i migranti disegnano il mega dipinto dello Student Hotel

Un mega dipinto è nato nella corte interna dello Student Hotel di Firenze. E’ stato realizzato dai ragazzi ospitati nelle case di accoglienza per minori stranieri non accompagnati Gulliver e Mondoinsieme, gestite da Il Cenacolo

08 giugno 2018

Mega dipinto dello Student Hotel

FIRENZE - Un mega dipinto è nato sul pavimento della corte interna dello Student Hotel di Firenze, realizzato dai ragazzi ospitati nelle case di accoglienza per minori stranieri non accompagnati Gulliver e Mondoinsieme, gestite da Il Cenacolo, cooperativa aderente al Consorzio Co&So. Con loro hanno lavorato gli artisti della famosa community art Favela Painting, nata 12 anni fa con l’obiettivo di colorare le grigie baracche di Rio de Janeiro, i sobborghi di North Philadelphia fino ai campi rifugio di Lesbo e rendere la vita dei suoi abitanti un po’ più dignitosa attraverso l’arte e la bellezza. Tre giorni di lavori intensi, 11 ragazzi coinvolti, e un’opera bellissima inaugurata oggi, con l’apertura dello Student Hotel 

Il progetto è nato dall’incontro tra Cenacolo e Charlie McGregor, Ceo & Founder TSH, che ha messo in contatto la cooperativa con la United Painting Crew. Del progetto e degli sviluppi futuri ne hanno parlato oggi pomeriggio, su un letto, come regola dei Bed Talks vuole, Chiara Meiattini del Il Cenacolo e Dre Urhann, co-fondatore di Favela Painting.

“E’ stato un progetto nato per caso, una fortuita coincidenza - racconta Chiara Meiattini - Quello che doveva essere un problema di vicinato si è rivelato una grande opportunità di conoscenza e di condivisione. Abbiamo intenzione di continuare questa collaborazione con Favela Pianting e The Student Hotel, soprattutto per dare ai ragazzi nostri ospiti una possibilità in più per integrarsi e migliorare la loro vita. Il nostro obiettivo è costruire progetti di accoglienza destinati ai migranti che si traducano sempre di più in occasioni di sviluppo per tutto il territorio”.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa