:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Nell’arena estiva film accessibili a persone cieche e sorde

Da “Dogman” a “Io sono tornato”: all’Arena Puccini di Bologna 5 pellicole accessibili grazie a una app che fornisce sottotitoli e audiodescrizioni. Morini (Cineteca): “Al via anche un progetto per avvicinare al cinema giovani a rischio dispersione scolastica ed esclusione sociale”

13 giugno 2018

BOLOGNA – I film dell’Arena Puccini accessibili a persone cieche e sorde grazie alla app MovieReading da scaricare gratuitamente su smartphone e tablet è una delle novità introdotte quest’anno dalla Cineteca di Bologna in vista della partenza estiva della stagione cinematografica all’arena di via Serlio. Nell’applicazione c’è una lista dei film di cui è possibile scaricare l’audiodescrizione o la sottotitolazione (su sfondo nero, per evitare di disturbare chi siede vicino). “Grazie al team di MovieReading, i film accessibili sono raggruppati in una sezione specifica della app: sotto il tag ‘Arene estive Bologna’ della sezione ‘Market’ si scaricano sottotitoli o audio descrizione”, spiega Andrea Morini, curatore della rassegna. L’app permette di sincronizzare il dispositivo con la pellicola proiettata, vale a dire a 24 fotogrammi al secondo: “Anche per questo aspetto dobbiamo ringraziare il team. Poco dopo l’uscita cinematografica di una pellicola, infatti, MovieReading sincronizza sottotitoli e audiodescrizioni a 25 fotogrammi al secondo, versione idonea a una visione televisiva, ma non adatta a una visione in un’arena estiva. Per venirci incontro, i titoli che proietteremo saranno mantenuti a 24, per una sincronizzazione perfetta”, specifica Morini.

Cinque le pellicole disponibili su MovieReading proiettate all’Arena Puccini: “Dogman” di Matteo Garrone (17 e 26 luglio); “Metti la nonna in freezer” di Giancarlo Fontana e Giuseppe Stasi (5 luglio); “A casa tutti bene” di Gabriele Muccino (16 luglio); “Io sono tempesta” di Daniele Luchetti (20 luglio); “Sono tornato” di Luca Miniero (23 luglio). “Vogliamo agevolare la partecipazione degli spettatori ciechi e sordi – continua Morini –. Abbiamo cominciato a ragionare sugli strumenti a cui appoggiarci dall’anno scorso, quando una spettatrice sorda non riuscì a vedere il film in programma”. Si trattava di “Una donna fantastica”: “Su tutti i quotidiani e sul programma era riportato che ci sarebbero stati i sottotitoli in italiano – scrisse in una lettera a un quotidiano locale –, ma dei sottotitoli nemmeno l’ombra”. Immediate le scuse della Cineteca: “Avevamo ricevuto dal distributore la disponibilità del film in versione originale con i sottotitoli. Ma solo il giorno prima abbiamo appurato che ci era stata consegnata solo la versione doppiata in italiano”. È da allora che ci penso – sottolinea Morini –: quest’anno abbiamo voluto fare un passo avanti”. 

Un’altra novità per l’edizione 2018 riguarda il coinvolgimento di Baumhaus, progetto nato a Bologna dall’associazione Map, che promuove iniziative con ragazzi a rischio dispersione scolastica ed esclusione sociale, in maggioranza prime o seconde generazioni. “Abbiamo pensato ad attività mirate di carattere ludico-ricreativo-culturale”, spiega Morini. I ragazzi sceglieranno 2 o 3 titoli in programma e sarà avviato un percorso propedeutico alla visione (a cui potranno partecipare gratuitamente). “Si partirà da un discorso tecnico pratico – specifica Davide Cobbe di Baumhaus –: avvicineremo i ragazzi al mondo del cinema, tra produzione, distribuzione, proiezioni nei cinema e nelle arene. Come avviene tutto ciò? Cosa c’è dietro al grande schermo?”. Seguirà un discorso più teorico per confrontarsi sui temi trattati nei film. “Questo non è che l’inizio di un’avventura con la Cineteca che siamo certi proseguirà anche in futuro”, conclude Cobbe.

Il calendario dell’Arena Puccini partirà giovedì 14 giugno per concludersi giovedì 6 settembre: 85 serate nel parco del Dlf di via Sebastiano Serlio a cui parteciperanno grandi nomi del cinema italiano e internazionale: da Ferzan Ozpetek a Stefano Accorsi, da Alice Rohrwacher a Matteo Garrone. (Ambra Notari)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa