:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

A Capodarco la serata dei premi ai migliori video-maker e di Paolo Vivaldi

Venerdì 22 giugno la consegna dell’Anello debole. Sul palco con Andrea Pellizzari gli autori e i protagonisti delle opere in gara. A seguire il concerto “Il suono dell’immagine” con il maestro Paolo Vivaldi, il racconto per musica e immagini di come nasce una colonna sonora

22 giugno 2018

CAPODARCO - Il Capodarco L’Altro Festival giunge ora alla sua fase finale, accogliendo il Premio L’anello debole e il meglio dei cortometraggi sui temi sociali, italiani e internazionali. Dopo la visione e il voto di oggi dei finalisti, domani 22 giugno alle 21.15 la serata di premiazione dei vincitori dell’edizione 2018. Al direttore artistico Andrea Pellizzari il compito di condurre una serata ricca di contenuti che vedrà finalmente svelati i nomi dei vincitori delle 4 categorie del premio: audio cortometraggi, cortometraggi della realtà, cortometraggi di fiction e cortissimi. Oltre ai vincitori assoluti, saranno assegnati premi speciali: il premio speciale della Comunità di Capodarco; il premio speciale "Corto Giovani", promosso insieme a "Coop for words", per il miglior autore under 39, e il premio speciale per il migliore “Web-Doc”, assegnato dall’Agenzia Redattore sociale. 

I monili realizzati dall'orafo Silvano Zanchi
Monile

Ai vincitori sarà consegnato anche un monile che riproduce “l’anello debole”, opera realizzata del maestro orafo Silvano Zanchi, che ha fatto dell’originalità creativa la propria cifra stilistica nella realizzazione di esclusivi gioielli-scultura. Pezzi unici, che uniscono forme dal design contemporaneo e antichi procedimenti.

Paolo Vivaldi
Paolo Vivaldi

La serata di premiazione sara impreziosita dal concerto “Il suono dell’immagine. Da Rino Gaetano a Non Essere Cattivo” del Maestro Paolo Vivaldi e i “Solisti dell’Augusteo”. Musicista e compositore di colonne sonore per cinema, televisione e teatro, Paolo Vivaldi ha all'attivo una lunga e ricca carriera. Insignito più volte del Premio Sonora, nel 2016 è stato candidato al David di Donatello come miglior musicista per “Non essere cattivo”. Con lui l’ensemble nato all’interno dell’Orchestra Sinfonica dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, che ha potuto contare negli anni sulla collaborazione di musicisti di grande prestigio internazionale, come Alexander Lonquich, Antonio Pappano e Lang Lang. Ad esibirsi con Vivaldi (al pianoforte), Alberto Mina (Violino I), Alice Notarangelo (Violino II) Emanuele Ruggero (Viola), Carlo Onori (Violoncello), Marco Postacchini (Sassofono),  Alessandro Sartini (Live Electronics).  

La forma dello spettacolo è quella di un concerto con proiezione di immagini, in grado di offrire un racconto coinvolgente di come nasce una colonna sonora. Pianoforte, archi, sax, immagini (e macchina da scrivere!) per accompagnare  dal vivo la proiezione di estratti di film e fiction di cui il Maestro ha composto le colonne sonore. Tra i brani eseguiti "Olivetti, la forza di un sogno" (regia di Michele Soavi), "Pietro Mennea, la freccia del Sud" (regia di Ricky Tognazzi) e "Non essere cattivo"  (regia di Claudio Caligari).

In caso di pioggia la serata di premiazione ed il concerto si svolgeranno all’interno della Comunità di Capodarco. 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa