:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Unicef, "protezione di bambini rifugiati deve essere priorità per UE

Afshan Khan, direttore regionale Unicef per Europa e Asia Centrale: "Qualsiasi nuova politica dell'UE sulle migrazioni deve considerare la necessità cruciale di concedere passaggi sicuri e percorsi regolari per i bambini rifugiati e migranti e le loro famiglie, nonché un tempestivo accesso a procedimenti di asilo e di reinsediamento e ai servizi di ricongiungimento familiare"

23 giugno 2018

Foto: Save the Children
Minori stranieri non accompagnati. Ragazzino guarda il mare

ROMA - In vista delle prossime riunioni del Consiglio Europeo su asilo e migrazione, l'UNICEF esorta tutti i leader a dare priorità alla protezione dei bambini, indipendentemente dallo status di immigrazione dei loro genitori. "Qualsiasi nuova politica dell'UE sulle migrazioni deve considerare la necessità cruciale di concedere passaggi sicuri e percorsi regolari per i bambini rifugiati e migranti e le loro famiglie, nonché un tempestivo accesso a procedimenti di asilo e di reinsediamento e ai servizi di ricongiungimento familiare - dichiara Afshan Khan, direttore regionale Unicef per Europa e Asia Centrale - Mentre procedure di asilo accelerate potrebbero giovare ai minorenni, è fondamentale che siano operativi assistenza legale, meccanismi di ricorso e altre salvaguardie. Anche i servizi sanitari, di istruzione e di protezione dovrebbero essere pienamente accessibili".

box Nessun bambino, ribadisce Unicef, "dovrebbe mai essere messo in stato di detenzione a causa del suo status di migrante.  La detenzione, anche di breve durata, può avere effetti devastanti sulla salute mentale, sul benessere e sullo sviluppo del bambino. Esistono e si sono dimostrate efficaci le alternative alla detenzione, come l'affidamento, le sistemazioni per le famiglie a livello comunitario  e una vita indipendente supervisionata. Gli Stati membri hanno l'obbligo di tutelare i diritti di tutti i minorenni ai sensi della Convenzione sui diritti dell’infanzia. L'UNICEF  è pronto a sostenere l'UE nei suoi sforzi per proteggere e promuovere i diritti di ogni bambino”.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa