:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

"Cento volte Bartali", l'uomo e il campione in 264 pagine

Un libro racconta la vita sportiva, i traguardi ma anche gli aspetti più personali di un grande uomo che ha saputo interpretare con il suo esempio un secolo di storia italiana

25 giugno 2018

FIRENZE - La più completa opera su Gino Bartali mai scritta prima. Si chiama “Cento volte Bartali. 1914-2014” ed è il libro che l’Associazione per la solidarietà Giglio Amico di Firenze ha pubblicato per celebrare il centenario della nascita del campione toscano. La vita sportiva, i traguardi ma anche gli aspetti più personali di un grande uomo che ha saputo interpretare con il suo esempio un secolo di storia italiana. Un’opera di grande attualità nell’anno in cui il Giro d’Italia ha preso il via a Gerusalemme per celebrare il grande Gino Bartali, dichiarato nel 2013 Giusto tra le Nazioni per la sua attività a favore degli Ebrei perseguitati in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale.

Il libro, dopo aver girato tutta l’Italia, torna in Toscana e fa tappa a Riparbella per l'estate 2018. La pubblicazione sarà presentata mercoledì 27 giugno, alle 19.30 alla Cantina La Regola. Saranno presenti per ricordare la grande figura di Gino Bartali Paolo Bettini, campione del mondo ed olimpionico di ciclismo, Marco Viani, promotore del libro “Cento Volte Bartali 1914 – 2014” e presidente onorario di Giglio Amico Onlus, Giancarlo Brocci, inventore dell’Eroica, Adam Smulevich, giornalista, Enrico Caracciolo, giornalista e fotografo. A fare gli onori di casa Flavio Nuti, titolare dell’azienda La Regola che ha fortemente voluto questo evento.

Il libro è a cura di Sandro Picchi e Marco Viani. La prefazione è di Sergio Zavoli. Gli autori sono 84. La copertina riporta un disegno di Nano Campeggi. Il libro, a tiratura limitata, durante la presentazione sarà disponibile con un'offerta minima di 40 euro. (Richieste e informazioni: info@giglioamico.it). I proventi della raccolta dei libri, come da sempre dovere dell’associazione fiorentina, andranno a sostenere i bisogni di quelle persone che sono non solo povere ma anche malate. La vendita del libro ha portato fino ad oggi ad una raccolta di oltre 50 mila euro già destinati agli “ultimi” della Toscana e di altre regioni. Si tratta di un libro strenna, di elevato contenuto, significato e pregio, di 264 pagine con ampia iconografia, scritto da giornalisti, professori universitari, scrittori di rilievo nazionale che hanno offerto gratuitamente il loro impegno. Da Sergio Zavoli a Vincenzo Nibali passando per Davide Cassani, Gianni Mura e Gian Paolo Ormezzano e Marco Pastonesi. Sono solo alcuni dei nomi che, in queste pagine, hanno interpretato le imprese sportive ed umane di uno dei più grandi corridori di tutti i tempi.

Dalla sua devozione alla Madonna al colloquio con De Gasperi durante i giorni dell'attentato a Togliatti, dalla rivalità con Coppi ai viaggi da Firenze ad Assisi con i documenti nella canna della sua bicicletta per salvare gli ebrei, dalle sue irripetibili vittorie al Tour de France ad un Bartali trasformato in vignetta, icona pubblicitaria e alla sua faccia impressa in biglie e tappini. In “Cento volte Bartali. 1914-2014” la vita del grande Gino viene rivissuta in ogni suo aspetto anche per descrivere mutamenti della società italiana nel secolo.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa