:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

"Natura senza barriere", un weekend dedicato all’escursionismo condiviso

Terzo anno per l’iniziativa di Federtrek. Coinvoti 15 parchi, di cui 4 nazionali, e 12 associazioni. Obiettivo? Promuovere la partecipazione di persone con disabilità, dimostrando che molte barriere si possono superare. Sono 23 le iniziative organizzate nel weekend del 7/8 luglio, più una il 9

07 luglio 2018

BOLOGNA - Un weekend dedicato all’escursionismo condiviso e all’accessibilità dei percorsi naturali. È “Natura senza barriere”, l’iniziativa promossa per il terzo anno da Federtrek, la Federazione che riunisce circa 40 associazioni attive nell’escursionismo, che mira a promuovere la partecipazione delle persone con disabilità psicomotorie o sensopercettive. Obiettivo? Far capire che l’escursionismo non è un’attività riservata a pochi ma è accessibile a tutti, dimostrando che certe barriere possono essere superate con un cambio di visuale. “Molte associazioni aderenti organizzavano già iniziative di questo tipo in autonomia ma abbiamo pensato di lanciare un evento dedicato in un weekend coinvolgendo anche associazioni e cooperative che lavorano con le persone disabili – racconta Daniel Bazzucchi di Federtrek, ideatore del progetto – L’idea è che ogni associazione promuova un’iniziativa sul proprio territorio per lasciare un segno, seminare qualcosa e fare rete con altre realtà locali”. Il primo anno “Natura senza barriere” ha coinvolto 5 associazioni e 3 parchi, quest’anno le associazioni sono 12 e i parchi 15, di cui 4 nazionali. Il 7 e l’8 luglio in diverse località d’Italia.

La novità dell’iniziativa? “Non vogliamo fare una vetrina di percorsi accessibili ma costruire qualcosa insieme alle persone disabili”, afferma Bazzucchi. Un esempio è l’evento promosso nel 2017 dalla Riserva trentina delle Alpi Ledrensi con il Museo della scienza di Trento e Irifor. “Insieme hanno organizzato una cena al buio in rifugio e un’escursione in notturna in cui le persone con disabilità visiva si sono trasformate in guide perché sapevamo muoversi meglio delle altre nell’oscurità”. Sono 23 le iniziative organizzate nel weekend del 7/8 luglio a cui se ne aggiunge una il 9, altre 2 si svolte il 4. Ad esempio il 7 luglio il Rifugio Les Montagnard e Lanzo Trekking promuovono “Balme: il paese delle guide alpine, culla dell’alpinismo, dell’acqua e della birra”: circuito di 5 chilometri interamente percorribile in joelette (con possibilità di noleggiarla), percorso sensoriale in cui le persone saranno guidate a usare olfatto, tatto, vista e udito per mettere in discussione il comune approccio all’ambiente esterno, sessioni dimostrative di nordic walking rivolte anche a persone cieche e ipovedenti, arrampicata sui massi di Balme. Sempre il 7 è in programma l’inaugurazione del Sentiero Marciò nel Parco naturale Paneveggio Pale di San Martino con la partecipazione di SportAbili Predazzo e Irifor Trentino. Nell’Area marina protetta Torre del Cerrano sono invece in programma due giornate di studio su accoglienza e inclusione nella relazione con l’ambiente naturale con Cerpa e Ordine degli architetti di Teramo e uscite giudate in collaborazione con le associazioni Pros onlus e Asd Guide del Cerrano. Per il programma completo delle iniziative: http://www.federtrek.org/NATURASENZABARRIERE/. (lp)

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa