:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Carrara, muore operaio schiacciato da un blocco di marmo

L'uomo sarebbe stato colpito da un blocco di marmo che era già stato scaricato e posizionato. Non è la prima morte bianca nel settore. Il cordoglio dell'assessore Saccardi

11 luglio 2018

FIRENZE – Morte bianca in Toscana. Un operaio di circa 40 anni è morto questa mattina, mercoledì 11 luglio, schiacciato da un pezzo di marma in un deposito di marmi a Marina di Carrara. L'uomo sarebbe stato colpito da un blocco di marmo che era già stato scaricato e posizionato. Sembra che l'operaio sia un dipendente di una ditta di autogru. Sul posto stanno intervenendo i sanitari del 118, i carabinieri e i tecnici dell'Asl. Non è purtroppo il primo incidente mortale nel settore del marmo a Carrara.

"Ancora un morto sul lavoro. E ancora una volta nel settore del marmo. Il primo pensiero va alla famiglia, alla quale esprimo la mia vicinanza e la mia solidarietà. E' davvero doloroso registrare un nuovo infortunio mortale proprio in un settore in cui tanto abbiamo fatto per aumentare la sicurezza e accrescere la consapevolezza di lavoratori e datori di lavoro". Queste le prime parole di Stefania Saccardi, assessore regionale al diritto alla salute, che vuole far giungere le sue condoglianze alla famiglia dell'operaio.

"In questi ultimi anni – ricorda l'assessore – abbiamo messo in campo interventi concreti. Ma evidentemente tutto questo non è ancora sufficiente. Per migliorare la sicurezza nelle cave e nel settore del marmo è necessaria una stretta collaborazione tra lavoratori e datori di lavoro, una vera alleanza tra tutte le figure dell'impresa. E i controlli devono essere assidui e costanti".

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa