:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Firenze, raccolti 40 mila euro per il Meyer

Oltre 800 persone fra soci delle cooperative toscane aderenti a Legacoop e soci Unicoop Firenze hanno partecipato all’evento per sostenere il progetto Meyer Più, che prevede la crescita dell’ospedale pediatrico fiorentino per offrire cure ancora più efficaci

13 luglio 2018

FIRENZE - Una piazza piena di solidarietà. È piazza Bartali a Firenze, davanti al Centro Gavinana che ieri sera, giovedì 12 luglio, ha ospitato l’evento A cena per il Meyer promosso da Legacoop Toscana con la partecipazione di Unicoop Firenze. Più di ottocento persone fra soci delle cooperative toscane aderenti a Legacoop e soci Unicoop Firenze hanno partecipato all’evento per sostenere il progetto Meyer Più, che prevede la crescita dell’ospedale pediatrico fiorentino per offrire cure ancora più efficaci, per creare innovazione per la ricerca e per ampliare spazi e strutture per un’accoglienza a 360 gradi del bambino e della sua famiglia. Sono stati raccolti complessivamente 40.000 euro.

Alla cena, che si è tenuta in una delle due piazze protagoniste del progetto di rigenerazione urbana di Unicoop Firenze, sono intervenuti anche il sindaco di Firenze Dario Nardella, il presidente di Legacoop Toscana Roberto Negrini, la presidente del Consiglio di Sorveglianza di Unicoop Firenze Daniela Mori, il presidente della Fondazione Ospedale Pediatrico Meyer Gianpaolo Donzelli e il presidente del Quartiere 3  Alfredo Esposito. Durante la cena si è tenuto un concerto dell’orchestra sinfonica Filharmonie.

A cena per il Meyer rientra nelle iniziative della collaborazione fra Unicoop Firenze e Fondazione Ospedale Pediatrico Meyer, iniziata a marzo 2018 e che continuerà fino al 2020. Nel triennio verranno organizzate visite per i dipendenti e per i soci all’ospedale Meyer e incontri con gli specialisti della salute dei più piccoli nei punti vendita Unicoop Firenze.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa