:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Taglio vitalizi, la proposta dei vivaisti: “Usiamo quei soldi per il verde pubblico”

Il presidente nazionale della federazione florovivaistica di Confagricoltura Francesco Mati: “I risparmi ottenuti con il ricalcolo dei vitalizi dei deputati destiniamoli al decoro delle nostre città, e perché no, alla riqualificazione del verde pubblico”

13 luglio 2018

FIRENZE – "I risparmi ottenuti con il ricalcolo dei vitalizi dei deputati destiniamoli al decoro delle nostre città, e perché no, alla riqualificazione del verde pubblico". E’ la proposta avanzata da Francesco Mati, presidente nazionale della federazione florovivaistica di Confagricoltura e Presidente del distretto rurale vivaistico ornamentale di Pistoia, all'indomani della decisione della Camera di "tagliare" i trattamenti dei propri membri anche del passato col ricalcolo basato solo sui contributi versati.

"Usando quei soldi risparmiati per il verde pubblico - spiega Mati - daremo un segnale forte ai cittadini. Pensiamo solo all'effetto che farebbe una bella targa 'questo giardino è stato sistemato grazie ai soldi risparmiati dai vitalizi dei parlamentari'. Dall'altra avremmo risorse per migliorare le nostre città che oggi a causa delle casse sempre più esangui, Comuni si faticano a trovare".

Per Mati infatti "con i 40 milioni risparmiati ogni anno, come calcolato dal Presidente della Camera Roberto Fico, si può predisporre un piano di interventi pluriennale. La situazione del verde pubblico infatti oramai è al limite soprattutto nelle città del centro e del sud. Investire in questo settore quindi sarebbe un utile volano diretto per le aziende florovivaistiche e indiretto per il turismo. Dove i luoghi sono più curati non solo si vive meglio ma anche i turisti arrivano più numerosi"

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa