:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Pisa, 200 donne in piazza chiedono dimissioni dell’assessore Buscemi

L'associazione Casa della donna di Pisa ha organizzato un presidio per chiedere le dimissioni del neo assessore, denunciato e processato per il reato di stalking (reato estinto per prescrizione).

17 luglio 2018

FIRENZE – Cartelli, striscioni, slogan. E su tutti il grido “Dimissioni”. L'associazione Casa della donna di Pisa ha organizzato oggi, presso le Logge dei Banchi, un sit-in di protesta per chiedere le dimissioni di Andrea Buscemi da assessore del Comune di Pisa. Proprio oggi, infatti, si è insediato il consiglio comunale e le 35mila firme raccolte con la petizione online sono state consegnate al sindaco Michele Conti e a tutto il consiglio comunale. La petizione chiede le dimissioni di Buscemi, denunciato e processato per il reato di stalking (reato estinto per prescrizione).

“Uno stalker non può sedere nell’istituzione più importante e rappresentativa della città – hanno detto dalla Casa delle Donne - Mai avremo creduto di vedere un giorno un uomo colpevole di stalking sedere a Palazzo Gambacorti e per giunta come assessore alla cultura. Quella nomina ha aperto nel cuore di tutte e tutti noi, nella città e nelle sue istituzioni una ferita profonda. Andrea Buscemi è stato dichiarato colpevole di stalking da una sentenza definitiva. La sua colpevolezza non è un’opinione né una questione privata ma un fatto che ci riguarda tutte e tutti: riguarda ogni donna e ogni uomo che si oppone alla cultura della violenza, che crede nei diritti e nella libertà delle donne”.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa