:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Welfare aziendale e responsabilità sociale d'impresa: premio per le tesi

Sesta edizione per il premio Marco Vigorelli rivolto a giovani laureati con tesi su conciliazione famiglia-lavoro come leva per la Rsi, strumenti di welfare aziendale, flessibilizzazione dei modelli di organizzazione del lavoro. Scadenza è il 31 gennaio 2019

14 agosto 2018

MILANO – Premiare le tesi di laurea di giovani studiosi che, contestualizzando i cambiamenti della società e i nuovi approcci delle imprese alle necessità di conciliazione dei propri dipendenti, analizzino e individuino gli strumenti di welfare aziendale esistenti con particolare attenzione ai processi di implementazione degli stessi e di misurazione di risultati e benefici. È l'obiettivo del Premio Marco Vigorelli, istituito dall'omonima fondazione e intitolato all'economista, senior partner di Accenture, scomparso nel 2002 -che ha dedicato grande attenzione alla corporate social responsibility e alla conciliazione famiglia-lavoro. Giunto alla sesta edizione, il premio si rivolge a studenti che abbiamo redatto una tesi di laurea magistrale su corporate family responsibility (conciliazione famiglia-lavoro come leva strategica della corporate sociale responsibility, misurazione dei benefici azienda-dipendente nell'attuazione di politiche di conciliazione), welfare aziendale (Rsi e secondo welfare, analisi sulle medie imprese italiane, gestione del personale: talenti e benefit in ottica di conciliazione famiglia-lavoro, dimensioni di benessere del dipendente e sostenibilità della conciliazione lavoro famiglia-lavoro e del welfare aziendale), organizzazione aziendale (flessibilizzazione dei modelli di organizzazione del lavoro e work-life balance, nuove professioni e work-life balance: opportunità e problematicità, gestione del cambiamento aziendale in ottica work-life balance: buone pratiche e prospettive).

Possono partecipare i laureati che hanno discusso la tesi non prima del primo marzo 2017 presso uno degli istituti accademici indicati nel bando. I criteri di valutazione sono: qualità dell'analisi dell'attuale scenario socio-economico, valutazione delle strategie adottate dalle aziende in materia di conciliazione, analisi delle opportunità per le aziende, relativamente alla possibilità di implementare strumenti di conciliazione e di valutazione dell'efficacia degli stessi, presenza di casi studio pratici e di analisi comparative. Il premio è di 1.500 euro e la scadenza per partecipare è fissata il 31 gennaio 2019. (lp)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa