:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Basket in carrozzina, esordio amaro per l'Italia ai mondiali

Il Giappone supera gli azzurri 58-50, infliggendo un duro colpo agli uomini di coach Di Giusto. Impegnati nella prima gara dei campionati di Amburgo 2018. Match a lungo equilibrato, sofferta la difesa aggressiva dei nipponici. Sabato in cerca di riscatto contro il Brasile

17 agosto 2018

AMBURGO - Esordio difficile per la Nazionale italiana di basket in carrozzina ai Campionati del Mondo di Amburgo: gli azzurri escono sconfitti da Giappone 58 a 50, dopo un match a lungo equilibrato e rimasto sul filo dell’incertezza fino agli ultimi due minuti. Già domani però occasione di rivalsa, alle 11.45 nel secondo match del Girone C contro il Brasile, che in serata giocherà contro la Turchia campione d’Europa. Dal piazzamento nel gruppo preliminare dipenderà l’accoppiamento per gli ottavi di finale, contro una tra Australia, Spagna, Argentina e Olanda.
 
LA PARTITA – Buona partenza dell’Italia che nel primo tempo sembra trovare subito le contromisure al pressing dei giapponesi. Un quintetto con tre lunghi in campo e diverse buone soluzione offensive permettono ai ragazzi di coach Di Giusto di scappare subito oltre le doppia cifra di vantaggio (22 a 11 ad inizio secondo quarto). Poi però l’inerzia inizia lentamente a cambiare, con il Giappone che prima ricuce lo svantaggio e poi si riporta a contatto a metà partita. Il terzo quarto è difficile: la difesa aggressiva dei giapponesi sale di intensità e i nostri trovano sempre più difficoltà a trovare ritmo e tiri comodi in attacco. Dal sorpasso del 32 a 30 con 7’25’’ da giocare nel terzo periodo, l’Italia non riuscirà più a mettere la testa avanti, nonostante un paio di tentativi di rimonta vanificati da imprecisioni sotto canestro. Fatale nel corso dell’ultimo quarto sarà un parziale di 6 a 0 che ci rispedisce a -8 con meno di un minuto da giocare, un divario troppo grande da ricucire in così poco tempo.
 
I COMMENTI – Delusione nelle parole degli azzurri a fine match, a partire da Jacopo Geninazzi, che non ha festeggiato con una vittoria il suo trentaquattresimo compleanno: “Sapevamo le loro caratteristiche e siamo entrati in campo preparati e con la giusta intensità, peccato non sia stato sufficiente, soprattutto nella fase finale del match. E’ comunque ancora tutto apertissimo e già da domani col Brasile siamo pronti al riscatto”.
 
Rammarico anche per Andrea Giaretti, top scorer azzurro con 11 punti: “Abbiamo perso lucidità con l’andare del match, abbiamo sbagliato troppo sotto canestro. Dobbiamo essere più tranquilli in attacco e non abbatterci alla prima difficoltà”.
 
Questa infine l’analisi di coach Di Giusto: “Siamo qui per crescere e per imparare. Il Mondiale per questo gruppo sarà come prendere un master all’università e ci sta passare anche da queste sconfitte. Ho visto però molte cose buone, la giusta intensità e concentrazione per gran parte del match, poi probabilmente abbiamo anche pagato fisicamente il forte pressing dei giapponesi”.
 
Azzurri di nuovo in campo, come detto, domani alle 11.45 contro il Brasile (diretta su RaiSport), per un match che dirà già tanto sugli equilibri del nostro girone.

© Copyright Redattore Sociale

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa