:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Motociclismo, al Mugello arriva l’International Bridgestone Handy Race

Seconda tappa dell’edizione 2018 della più attesa gara di motociclismo paralimpico. Sabato 25 agosto le gare di qualificazione, domenica pomeriggio i piloti disabili saranno in pista per cercare di stappare un nuovo record. Sulle due ruote oltre 30 piloti disabili provenienti da Austria, Repubblica Ceca, Belgio, Inghilterra, Spagna, Bulgaria, Francia e Italia

22 agosto 2018

- ROMA - Dopo aver fatto emozionare i campioni della MotoGP come Valentino Rossi nel circuito di Le Mans, i piloti disabili dell’International Bridgestone Handy Race tornano a scaldare i motori. L’appuntamento è per il 25 e 26 agosto 2018 al Mugello. In pista oltre 30 ragazzi disabili provenienti da Austria, Repubblica Ceca, Belgio, Inghilterra, Spagna, Bulgaria, Francia e Italia. Nel pomeriggio di sabato, 25 agosto, ci saranno le qualificazioni, mentre domenica alle ore 15:10 la gara. “È l’unica gara di casa per lo squadrone italiano - spiega il team azzurro Di.Di. Diversamente Disabili, che ad oggi conta più di 50 piloti disabili - sarà l’occasione di dare il meglio rispetto a quello francese visto che, dopo Le Mans, si tornerà a correre in Francia a settembre, nella finale di Magny Cours durante la Sbk”. 

Sulla pista del Mugello, intanto, i record paralimpici da battere sono ancora tutti italiani (2.02.4 per Daniele Barbero, amputato gamba - categoria 1000; e 2.07.6 per Maurizio Castelli, amputato braccio - categoria 600). Tuttavia, nessun azzurro quest’anno è ancora salito sul podio nella classe 600 e nessun francese nella classe 1000. È una “sfida che si gioca non solo in pista e tra avversari - spiega in una nota il team -, ma soprattutto nei confronti di un limite, la disabilità, che costringe questi ragazzi a superarsi e a non essere semplicemente piloti, ma veri eroi”. 

Entra nel vivo quindi l’International Bridgestone Handy Race, una gara nata nel 2017 su iniziativa di Emiliano Malagoli (fondatore Di.Di. Diversamente Disabili) e Stephane Paulus (fondatore Handy Free Riders) che a differenza dell’edizione 2018 ha visto una sola tappa all’interno del weekend di gara della MotoGP, a Le Mans. Edizione 2017 dominata dagli azzurri. I vincitori dell’International Bridgestone Handy Race 2017 infatti sono stati Daniele Barbero per le 1000cc e Maurizio Castelli per le 600cc. Ai due piloti va anche il record della pista di Le Mans per il motociclismo paralimpico: Daniele Barbero con 1.48.8 per le 1000cc e Maurizio Castelli con 1.51 per le 600cc. “La moto è simbolo di libertà, indipendenza e coraggio - si legge sul sito internet del team italiano -. Correre in moto significa rimettersi in moto anche metaforicamente, sotto tutti i punti di vista. Lo sport motociclistico è una delle massime interazioni uomo-macchina, uomo-tecnologia. Gli uomini hanno sempre cercato di accrescere i loro sensi e le loro capacità attraverso gli strumenti e la tecnologia, di potenziarsi grazie alle macchine, alle protesi, a dispositivi di vario tipo, estensioni dei sensi”.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa