:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Europei paralimpici di Berlino, Italia a quota 10 medaglie

Con i due bronzi di ieri, giovedì 23 agosto, il medagliere azzurro è già a 3 ori, un argento e sei bronzi. A salire sul podio nella quarta giornata degli Europei, il giovane sprinter di Fispes Academy Riccardo Bagaini e Diego Gastaldi, al suo esordio con la Nazionale

24 agosto 2018

ROMA - Quarto giorno di gare agli Europei paralimpici di atletica di Berlino (terzo per gli atleti italiani) e sono già dieci le medaglie conquistate dalla Nazionale azzurra di atletica. Ad arricchire il medagliere nella giornata di ieri due bronzi, una medaglia arriva nei 200 metri consacrando il giovane Riccardo Bagaini, al suo primo alloro individuale di livello assoluto nei 200 metri T47 a categorie accorpate (qui l’elenco delle classificazioni funzionali), mentre il secondo bronzo è di Diego Gastaldi, una medaglia inforcata al fotofinish in sella alla propria carrozzina proprio al suo esordio con la Nazionale. 

Riccardo Bagaini (Foto: Marco Mantovani/FISPES)
Riccardo Bagaini Europei atletica paralimpica Berlino

Due medaglie che portano ancora una volta l’Italia sul podio di Berlino. Oltre ai 3 ori e un argento, salgono così a 6 le medaglie di bronzo indossate dagli atleti italiani. “È una medaglia che vale tantissimo - racconta lo sprinter di Fispes Academy, Riccardo Bagaini, 18 anni ad ottobre -. È incredibile salire sul podio con un atleta che ha vinto tutto (Michal Derus, oro) e con il mio amico cipriota (Andonis Aresti, argento) che, da quando mi ha conosciuto, mi ha sempre detto: ‘Tu sei il futuro’. Oggi avevo tanta grinta addosso, volevo rifarmi della delusione di ieri sui 100. Capita sbagliare, ma i miei due allenatori mi hanno saputo gestire. Non ho corso io stasera, ho seguito i loro consigli ed è davvero bello aver qualcuno che ti pensa. Su quel podio penserò che, di fronte alle cadute, bisogna sempre trovare il modo di rialzarsi”. 

Diego Gastaldi (Foto: Marco Mantovani/FISPES)
Diego Gastaldi, Europei atletica paralimpica Berlino

Grande emozione anche per l’atleta di Velletri, Diego Gastaldi, che negli 800 metri in carrozzina T53 ha tenuto testa ai francesi Pierre Fairbank e Nicolas Brignone, rispettivamente oro e argento nella stessa gara. “Devo ancora metabolizzare questa medaglia - ha commentato a caldo Gastaldi -. Salirò su quel podio e ripenserò ai momenti che ho vissuto quando volevo smettere e questo è il premio per non averlo fatto. È da questa mattina che mi immagino tutti gli scenari possibili ed è successo quello che speravo. Mi ero preparato questa gara nei minimi dettagli, è la mia prima esperienza europea e, per migliorarmi, vado a studiare, ad informarmi, dagli atleti più forti. Mi piace imparare ed è anche questa la bellezza di questo sport”.

Non è andata male neanche agli altri atleti azzurri in gara ieri, giovedì 23 agosto. Emanuele Di Marino conquista la finale nei 100 metri a categorie accorpate T44/64. Saranno così tre gli azzurri che si contenderanno il podio domenica 26 agosto. “Sono abbastanza contento dei primi 60 metri - ha detto Di Marino -, c’era tanto vento contro. La finale sarà interessante e bella”. Sempre nella giornata di ieri, inoltre, Simone Manigrasso realizza il suo miglior tempo personale. “Sentivo le gambe appesantite perché è difficile correre i 100 e 200 in due giorni consecutivi - ha raccontato Manigrasso -, ma ho fatto un bel tempo”. Alla sua prima gara in maglia azzurra anche Marco Cicchetti. “Ho dato il massimo - ha commentato a gara finita -, speravo in un crono migliore, ma è un bel risultato considerando che la mia vera gara è il salto in lungo”. Nel pomeriggio di oggi, venerdì 24 agosto, infine, il debutto della saltatrice in lungo T37 Francesca Cipelli e della lanciatrice in carrozzina Adriana Gardini presente nel giavellotto della sua nuova categoria F34. In pista ci sarà il ritorno della velocista Carlotta Bertoli che correrà i 100 metri T13, mentre la staffetta azzurra 4x100 degli amputati tenterà di difendere il bronzo europeo conquistato a Grosseto due anni fa.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa