:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Accoglienza migranti, Prefettura Firenze annuncia ispezioni a tappeto

Pugno duro del prefetto Laura Lega: "Voglio conoscere personalmente il mondo del privato sociale che gestisce le strutture". Previsti progetti per l'integrazione dei richiedenti asilo

06 settembre 2018

FIRENZE – Accoglienza migranti, controlli a tappeto nei centri fiorentini. E’ quanto annunciato dalla Prefettura di Firenze al termine dell’incontro di mercoledì sera tra i gestori delle strutture e il nuovo prefetto Laura Lega. “Conoscere personalmente il mondo del privato sociale che in questi anni ha lavorato a fianco della prefettura - ha detto Lega - è il motivo che mi ha spinto a convocare l’incontro di oggi. Il modello di accoglienza diffusa si è rivelato efficace, ha garantito una distribuzione equa e sostenibile in tutti i comuni e grazie alla collaborazione con gli enti locali e la Regione abbiamo un sistema positivo ed efficiente”. 

Ad oggi nelle strutture del territorio si contano 2120 presenze e si registra un decremento costante di arrivi. “Ora che siamo fuori dalla fase emergenziale - ha detto il prefetto - intendo iniziare una stagione nuova che ci impone un sistema di accoglienza dagli standard molto elevati, per conseguire i quali è necessario apportare tutti gli aggiustamenti necessari perché il sistema funzioni al meglio”. E qui Lega invita i gestori a svolgere un ruolo sempre più attivo e improntato al massimo rigore, ad osservare puntualmente gli obblighi contrattuali imposti dalle convenzioni e le linee guida della prefettura. Lega spiega che saranno intensificate le ispezioni improvvise, a tappeto, condotte dal personale della prefettura e delle asl, dalle forze di polizia e dai vigili del fuoco, dando la massima attenzione alle modalità di erogazione dei servizi e alle condizioni strutturali e ambientali per garantire sicurezza e incolumità sia degli ospiti che degli operatori”. 

Parallelamente, il prefetto sollecita gli enti gestori a concorrere, con la prefettura, nel garantire da parte dei richiedenti asilo il massimo rispetto delle norme all’interno e all’esterno dei centri. A questo riguardo, dovranno essere effettuate verifiche rigorose sul rispetto da parte degli ospiti dell’orario di rientro serale e sulla permanenza dei presupposti di legge necessari per l’accoglienza, come lo stato di indigenza.

Infine, per favorire la presenza “attiva” dei migranti, il prefetto annuncia l’intenzione di incentivare il loro impiego nei lavori di pubblica utilità. “Un’attività di volontariato a titolo gratuito che consente di raggiungere due finalità importanti: da un lato al migrante permette di sentirsi impegnato e meglio inserito nella comunità, dall’altro alla collettività di percepire lo straniero non come un corpo estraneo, ma come una persona positivamente integrata nel territorio. Vi chiederò, ha concluso il prefetto,  uno slancio su questo per costruire nuovi progetti. Disporremo un protocollo e vi chiederemo di aderire per stimolare i migranti con una serie di incentivi  sui quali vi invito a riflettere”.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa