:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Solidarietà, dagli chef fiorentini 7mila euro contro il femminicidio

Giovedì sera la terza edizione della “Italian Chef Charity Night” ha raggiunto una cifra record grazie alle donazioni dei fiorentini arrivati sulle terrazze del Forte Belveder

07 settembre 2018

FIRENZE - Oltre 7mila euro per la lotta al femminicidio e alla violenza di genere. La rete di solidarietà degli chef fiorentini non si è fermata, e giovedì sera la terza edizione della “Italian Chef Charity Night” ha raggiunto una cifra record grazie alle donazioni dei fiorentini arrivati sulle terrazze del Forte Belvedere. All’appuntamento – condotto da Annamaria Tossani e con un intermezzo musicale del cantautore Fabrizio Venturi – hanno partecipato alcuni dei più rinomati chef fiorentini e toscani, che hanno risposto all’appello lanciato dal comitato “Italian Chef Charity Night” per dare un segnale di continuità con le iniziative degli ultimi due anni. La cifra incassata verrà devoluta al centro antiviolenza Artemisia per mantenere le due case a indirizzo segreto dove vivono protette le donne e i bambini minacciate di morte da ex mariti o stalker. 

Al Forte Belvedere i fiorentini hanno assaggiato i piatti “signature” di 16 importanti chef del panorama fiorentino e toscano. “Ancora una volta la risposta della città è stata generosa – spiega Marco Gemelli, il ‘Forchettiere’, organizzatore insieme a Once Events – e questo ci spinge a continuare su questa via, grazie ancora a un ‘gioco di squadra’ che conta su una rete di volontari e partner senza la quale il charity non avrebbe potuto esistere. A loro va il nostro più sincero ringraziamento. La lotta al femminicidio rappresenta un tema cruciale che tocca la nostra quotidianità, tanto più odioso perché questo fenomeno può colpire all’improvviso e spazzare via intere famiglie. Speriamo di aver contribuito a evitare altre morti”.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa