:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Affido condiviso, la riforma che vuole pensare ai bambini

Al via in Commissione Giustizia al Senato l’iter del ddl che punta ad attenuare la conflittualità fra genitori che si separano e ad evitare di finire in Tribunale. Più mediazione familiare, tempi paritetici in caso di disaccordo, stop a case famiglie e istituti, niente assegno ma pagamento diretto delle spese. Pillon (Lega): “Nessuna ideologia, pensiamo ai bambini”

10 settembre 2018

- ROMA – E’ appena ai nastri di partenza, eppure ha già fatto discutere molto. C’è chi lo appoggia a spada tratta e c’è chi ne parla malissimo: la sua strada inizia oggi in Commissione Giustizia al Senato, dove parte l’iter del disegno di legge 735 sulla riforma dell’affido condiviso. Il tema, quello dell’affido dei figli di genitori separati o divorziati, è complesso e delicato, ma c’è una cosa che il primo firmatario del testo, il senatore della Lega Simone Pillon, capogruppo del Carroccio in Commissione Giustizia, tiene a rimarcare: “Qui non ci interessano i diritti dei padri e delle madri: qui stiamo pensando al miglior interesse dei bambini”.

I giornali ne hanno parlato assai, “a volte in maniera imprecisa, altre volte in malafede”, dice Pillon, che in conferenza stampa al Senato si prende il tempo necessario per illustrare le priorità e i punti principali di un testo “sul quale ci confronteremo con ogni realtà, lieti di ascoltare tutti”, anche se “non permetteremo a nessuno di buttare questo tema sul terreno di uno scontro ideologico”. Ecco allora come il primo firmatario presenta il testo di legge.

Il ddl nasce dall’esigenza imprescindibile di fare in modo che il conflitto familiare non arrivi in tribunale, cercando di fare in modo che papà e mamme possano raggiungere un accordo sulla gestione dei minori prima di arrivare in Tribunale”, spiega Pillon. Poiché “genitori lo si è sempre”, lo scopo è quello di ridurre la conflittualità, anche grazie all’intervento della mediazione familiare, che viene indicata come strada nel caso in cui i genitori non trovino un accordo in autonomia. La previsione (solo in caso di mancato accordo) è quella di un confronto con un mediatore familiare: completamente gratuito il primo incontro, basati su “rigide tariffe professionali prefissate dal ministero della Giustizia” gli eventuali incontri successivi. Il tutto con la nascita di un vero e proprio ordine professionale, quello dei mediatori familiari.

“Ci dicono – osserva Pillon - che così il costo per le famiglie aumenterà, ma la mediazione se fatta da un esperto qualificato fa risparmiare tanto denaro perché evita la causa giudiziaria, che costa tanto in termini economici ma molto anche in termini umani proprio per i bambini, che nei vari passaggi processuali sono costretti a fare i conti con la conflittualità dei genitori”. Il ddl prevede poi la redazione di un “piano genitoriale” (o “piano educativo”), così come avviene in altri paesi: si tratta di un documento scritto da entrambi i genitori in cui si descrive tutto ciò che riguarda l’educazione dei figli, i loro passaggi di vita, la scelta riguardanti la scolarità, la formazione, gli incontri: uno strumento in grado di aiutare l’incontro fra le volontà dei genitori, di modo che diventino condivise.

I costi che la crescita dei figli comporta saranno divisi proporzionalmente fra entrambi i genitori: non più dunque l’assegno di mantenimento per i figli (“che già oggi la legge individua come strumento residuale, anche se è ancora molto utilizzato”), ma una suddivisione diretta e precisa dei costi, divisa per capitoli di spesa. Chi guadagna di più fra i due genitori avrà ancora il compito di contribuire maggiormente alle spese per i figli, ma potrà farlo “sapendo che tutto sarà speso proprio per il figlio, e non andrà a finire altrove”. “Non è una divisione fissa al 50%, come in molti hanno interpretato, ma – precisa Pillon – è basata sull’oggettiva situazione dei due genitori”. Con una precisazione: il ddl non interviene sui rapporti esclusivi fra coniugi, quindi nulla dice sull’assegno di mantenimento al coniuge: “Qui parliamo solo dell’assegno per il mantenimento dei figli, sul resto non cambia niente”.

C’è poi un quarto, e importante punto: quello della lotta all’alienazione o all’estraniazione, cioè a quel fenomeno che conduce al rifiuto genitoriale, quella situazione in cui padri o madri vengono per le più svariate ragioni rifiutati dai figli, “in alcuni casi a seguito di pressioni psicologiche sul minore, in altri casi perché essi sono stati imbevuti del veleno che padri e madri si sono lanciati a vicenda”. Previste anche sanzioni per chi “strumentalizza i figli facendo la cosa peggiore che un genitore può fare a un figlio: “distruggere l’altro genitore ai suoi occhi, rendendo il bambino orfano di genitore vivente”.

Il disegno di legge spinge verso il principio dei “tempi paritetici”, per cui papà e mamma devono essere presenti paritariamente nella vita dei figli: “Le parti – dice Pillon - potranno sempre decidere di comune accordo di adattare i tempi alla loro situazione, ma se non vi è accordo fra le parti la gestione sarà paritaria. Pertanto non sarà il giudice a dover decidere fra madre e padre e soprattutto il bambino non dovrà essere costretto a scegliere fra l’una e l’altro”. Oggi formalmente l’affido è già condiviso nel 90% dei casi, ma i tempi di frequentazione sono sbilanciati in modo sensibile verso uno dei genitori, e non per il frutto di una volontà comune. “Poniamo l’accento – afferma il capogruppo Lega in Commissione Giustizia – sul diritto dei bambini ad avere una mamma e un papà, anche se loro sono separati o divorziati: restituiamo i figli ai loro genitori”. Sparisce, fra gli altri punti, la possibilità per il giudice di indirizzare i bambini verso una casa famiglia, nel caso in cui i genitori non siano idonei: in tal caso il nuovo ddl “prevede l’affidamento ai nonni, a nuclei familiari di parenti o se questo non fosse possibile a nuclei familiari del territorio, ma comunque non ad istituti”. In conclusione, “la legge non tocca i meccanismi conciliativi che sono presenti già oggi ma rafforza l’istituto della mediazione, con l’obiettivo di far sì che pur in presenza di una situazione dolorosa come la separazione dei genitori la vita del bambino cambi il meno possibile”. (ska)

© Copyright Redattore Sociale

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa