:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

"Salviamo Aquarius e il soccorso in mare": al via la petizione

Sos Mediterranée e Medici senza frontiere lanciano una raccolta firme e invitano a una mobilitazione il 6 ottobre in diverse città d’Europa per consentire alla nave di riprendere il più presto possibile la sua missione di soccorso dei migranti nel Mediterraneo. Si attendono un milione di firme

29 settembre 2018

box ROMA - Sos Mediterranée e Medici senza frontiere lanciano una petizione "Salviamo Aquarius e il soccorso in mare" e invitano a una mobilitazione cittadina il 6 ottobre in diverse città d’Europa per diffondere il messaggio. "In questi ultimi mesi - si legge in una nota - la nave Aquarius, noleggiata da Sos Mediterranée e gestita in partnership con Medici senza Frontiere, è stata l'obiettivo di manovre politiche tese a criminalizzare i suoi team e a porre fine alla sua vitale missione di soccorso in mare. Dopo la chiusura dei porti italiani e le difficoltà ricorrenti a trovare un posto sicuro di sbarco, Aquarius è stata privata della bandiera due volte, prima da Gibilterra in agosto e poi a settembre da Panama. Senza una bandiera, Aquarius sarà costretta a restare ferma in porto, mentre alle porte dell’Europa, in assenza di navi di soccorso civili nel Mediterraneo centrale, le morti si moltiplicano. Vite che scompaiono in silenzio, mentre gli Stati europei chiudono gli occhi". La mobilitazione ha dunque l'obiettivo di "ricordare agli Stati europei le loro responsabilità nel Mediterraneo centrale chiedendo di adottare ogni misura per consentire alla Aquarius di riprendere la sua missione di soccorso il più rapidamente possibile; fare rispettare il dovere di assistenza alle persone in pericolo in mare".

Per la petizione internazionale #SaveAquarius #SaveRescueAtSea sono attese 1 milione di firme. Sos Mediterranée e Msf hanno scelto la piattaforma WeMove. Si può firmare fin da ora. La petizione sarà accompagnata da una campagna on line: ogni cittadino sarà invitato a filmarsi o fotografarsi con gli hashtags #SaveAquarius e #SaveRescueAtSea.

"Il 6 ottobre, 'un'onda arancione' di cittadini, nel colore dei giubbotti salvagente e della Aquarius, è invitata a scendere in strada per sostenere i valori di umanità promossi da Sos Mediterranée  e Msf. Cittadini, marinai, operatori umanitari, soccorritori, artisti, intellettuali, associazioni, imprese, movimenti religiosi, sindacati e autorità pubbliche sono invitati a partecipare agli incontri pacifici e apolitici, recando come unico segno distintivo una maglietta arancione. Sos Mediterranée organizzerà raduni cittadini in diverse città europee, in Germania (Berlino), Italia (Palermo) e in Francia in particolare a Parigi, Marsiglia, Lione, Nantes, Montpellier, Tolosa, Brest, Bordeaux, Grenoble, Saint-Étienne".

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa